Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1351
COMISO - 09/11/2010
Cronache - Ragusa: operazione «Works in progress» spedisce in carcere due pregiudicati comisani

Estorsioni a 2 ragusani, in carcere Tinghino e Modica

I due finiti in carcere avrebbero richiesto ingenti somme di denaro a due imprenditori ragusani per non avere problemi nell’attività
Foto CorrierediRagusa.it

Secondo l’accusa effettuavano estorsioni «ad personam». L’esito finale dell’indagine condotta dalla Procura della Repubblica di Ragusa, Squadra mobile e Commissariato di Comiso ha permesso di chiuedere il cerchio attorno a due comisani con precedenti penali alle spalle.

Salvatore Modica e Antonio Giuseppe Tinghino (nella foto), 39 e 40 anni, sono finiti in carcere a seguito della firma della custodia cautelare emessa dal gip Clauido Maggioni su richiesta del sostitutto procuratore Marco Rota. Il reato ipotizzato è estorsione aggravata.

L’indagine è partita dalle denunce effettuate da due imprenditori ragusani i quali avrebbero ricevuto la «visita» ad personam di Tinghino e Modica per l’esplicita richiesta di ingenti somme di denaro in cambio di tranquillità nella conduzione dell’attività economica. Altri particolari saranno forniti nella conferenza stampa prevista in Questura dal capo della Mobile Francesco Marino e dal commissario di Comiso Rosario Amarù.