Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 892
COMISO - 29/09/2010
Cronache - Comiso: l’uomo aveva in passato favorito la latitanza del boss Salvatore Siciliano

Pastore di giorno e spacciatore di coca di notte, arrestato

I poliziotti hanno sorpreso l’uomo con un involucro di plastica contenente ben mezzo chilo di cocaina Foto Corrierediragusa.it

Un pastore con presunti agganci mafiosi che spaccia coca non si era mai visto. Almeno fino a ieri, quando la squadra mobile ha colto sul fatto Concetto Errigo (nella foto), 48 anni, di Comiso. Il pastore non nascondeva la droga tra il vello degli ovini, ma sotto il più sicuro muro a secco dei terreni dove portava il gregge a pascolare.

Solo che quando Errigo ha sollevato la grossa pietra per recuperare un involucro di plastica contenente ben mezzo chilo di cocaina purissima, sono saltati fuori i poliziotti, che da tempo seguivano le mosse del pastore. L’uomo, sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno a Comiso, si era dato alla vita bucolica, non perdendo però il vecchio vizio della droga. Concetto Errigo era pastore di giorno e pusher di notte. L’ovile di contrada Manco fungeva anche da centro di smistamento della cocaina. Una doppia identità durata poco. Gli agenti hanno trovato altri 60 grammi di coca nascosti nel sedile lato guida della Nissan Micra di Errigo, mentre nel casolare è stato ritrovato un bilancino di precisione che il pastore utilizzava per il taglio delle dosi, che poi spacciava al minuto.

Per Concetto Errigo si sono aperte le porte del carcere. Il nome del pastore era nel recente passato emerso dalle indagini condotte sugli esponenti di spicco di una famiglia mafiosa di Mazzarino, in provincia di Caltanissetta, affiliata a cosa nostra. Concetto Errigo favorì la latitanza a Comiso del pericoloso boss Salvatore Siciliano, poi arrestato nel Catanese. Per il pastore invece le manette scattarono già il 16 gennaio 2004 nell’ambito dell’operazione «Fiori d’arancio», assieme ad altri 28 soggetti accusati di associazione mafiosa, associazione finalizzata al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti e rapina aggravata.