Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1018
COMISO - 30/08/2010
Cronache - Comio: i controlli dei carabinieriscoprono altre armi

Un arresto e 3 denunce per armi e droga

Le manette sono scattate per Rosario Cavalieri, pregiudicato di origini gelesi ma residente a Comiso Foto Corrierediragusa.it

Ancora controlli dei Carabinieri nel fine settimana appena trascorso. I militari hanno arrestato Rosario Cavalieri (nella foto), 36 anni, pregiudicato di origini gelesi ma residente a Comiso. L’uomo, a seguito di perquisizione domiciliare, è stati trovato in possesso di un’arma clandestina senza matricola tipo revolver calibro 8, ben tenuta e perfettamente funzionante che lo stesso Cavalieri aveva abilmente celato all’interno di un armadio, tra alcuni capi di biancheria. Inoltre unitamente alla pistola, sono state anche rinvenute 23 cartucce per rivoltella, anch’esse ben nascoste. Cavalieri, rinchiuso nel carcere di Ragusa, dovrà quindi rispondere dei reati di ricettazione e di detenzione illegale di arma clandestina e di munizionamento.

I carabinieri hanno altresì denunciato a piede libero G.P., 24 anni, acatese, bracciante agricolo, pregiudicato, per maltrattamenti in famiglia, percosse e minacce nei confronti della convivente, una giovane donna straniera. Sono state segnalate alla Prefettura, per detenzione di sostanza stupefacente per uso personale, un pregiudicato 39enne comisano, nullafacente. A seguito di perquisizione domiciliare, l’uomo veniva trovato in possesso di 6 grammi di hashish. Denunciato anche un 28enne residente a Bologna ma in vacanza nell’Ipparino, disoccupato, poiché, a seguito di perquisizione personale, è stato trovato in possesso di 2 grammi di marijuana. I controlli sono stati effettuati su direttivo del comandante provinciale Nicodemo Macrì e proseguiranno nei prossimi giorni.