Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 671
CHIARAMONTE GULFI - 15/04/2010
Cronache - Chiaramonte: l’area attrezzata già parzialmente distrutta domenica scorsa

Secondo incendio a Calaforno. 3 ore per domare le fiamme

Hanno operato i vigili del fuoco e la Forestale Foto Corrierediragusa.it

Un altro incendio si è sviluppato mercoledì nell´area attrezzata di Calaforno, già parzialmente distrutta dal rogo doloso di domenica scorsa. I vigili del fuoco hanno operato con una squadra, coadiuvati dalla Forestale. Ci sono volute 3 ore di alacre lavoro prima di avere ragione delle fiamme, che avevano trovato facile esca nella fitta vegetazione. Ancora da accertare se si tratti di un altro incendio doloso oppure di un focolaio del precedente rogo.

Sono oltre 75 gli ettari complessivi di bosco distrutti. Nessun dubbio sulla matrice dolosa dei due incendi che, domenica pomeriggio e per buona parte della giornata di lunedì, hanno interessato contrada Boneco, a Chiaramonte Gulfi, e contrada Calaforno, tra Giarratana e Monterosso. In questo secondo caso, una cinquantina di persone, che trascorrevano la domenica all´interno dell´area attrezzata, sono state costrette alla fuga attraverso una via d´uscita indicata dai Vigili del fuoco.

Se il bilancio, in termini ambientali, non è stato più pesante lo si deve all´impiego del Canadair della Protezione civile e dell´elicottero della Forestale. Sul posto hanno anche lavorato, sino a tarda sera, tre squadre dei Vigili del fuoco (due comando provinciale e una del distaccamento di Vittoria) e tutti gli uomini in servizio alla Forestale.

Sulla natura dolosa non vi è, purtroppo, alcun dubbio e gli investigatori della Forestale sembrano avere le idee chiare sui possibili piromani.
Il primo incendio è scoppiato alle 13 di ieri in contrada Boneco, in territorio di Chiaramonte Gulfi. I piromani hanno appiccato il fuoco dentro l´area forestale, mandando in fumo gli splendidi pini di oltre trent´anni. Un attacco preciso e ben pensato, visto che sulla zona spirava il vento in direzione nord. Quindi, hanno avuto la massima certezza che le fiamme sarebbero entrate sempre di più dentro il bosco. Sul posto sono intervenuti, in mancanza delle squadre antincendio stagionali, tutto il personale a tempo indeterminato della Forestale, la Protezione Civile, un elicottero e un Canadair.

Dopo qualche ora, quando le fiamme erano sotto controllo, un altro incendio è divampato, in tutt´altra zona: in contrada Calaforno, in territorio di Giarratana, a poca distanza della splendida area attrezzata. Tutti gli uomini sul campo sono subito accorsi in quella zona, aiutati da una squadra dei Vigili del Fuoco di Ragusa che ha subito fatto evacuare i tanti villeggianti che consumavano il pasto, proprio nel parco. Solo dopo aver evacuato l´area, è stato possibile lasciar intervenire i mezzi aerei.

Il personale della Forestale ha dovuto anche far ritorno sul primo incendio che, a quanto pare, non era stato del tutto domato. A pomeriggio avanzato, è stato ufficializzato che l´incendio di contrada Boneco era del tutto domato, dopo aver inghiottito ben 40 ettari di bosco. Diversa situazione a Calaformo, dove, per la natura accidentata dei luoghi non è stato possibile, in alcuni punti, l´impiego degli uomini a terra e, quindi, è toccato all´aereo Canadier portare a termine l´operazione di spegnimento delle fiamme. Da una prima stima a Calaforno pare che siano andati in fumo circa 25 ettari di bosco. Un pomeriggio terribile che si è chiuso al calar della sera, con tanta rabbia in corpo e 65 ettari di bosco in meno.