Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 767
CHIARAMONTE GULFI - 26/07/2016
Cronache - La precedente opera di bonifica ha limitato i danni

Incendio doloso distrugge 10 ettari

Indagini in corso per risalire ai piromani Foto Corrierediragusa.it

Anche stavolta mani ignote hanno tentato di mandare in fumo il patrimonio boschivo degli Iblei. Ma, stavolta, l’intento criminale non ha sortito l’effetto sperato, grazie all’opera di bonifica che in precedenza, gli operai della forestale, avevano eseguito, pulendo da anfratti il sottobosco. L’incendio si è sviluppato alle prime luci della sera di lunedì in contrada Collorisi, al confine tra i territori di Chiaramonte Gulfi e Monterosso Almo. Da subito sono intervenute le squadre della Forestale per delimitare le fiamme. Solo poco dopo si è potuto operare con il massimo dispiegamento di uomini e mezzi. In tutto ben sei squadre dell’antincendio con l’impiego di due Canadair che si rifornivano a ritmo incessante nel vicino bacino artificiale del fiume Dirillo. A metà mattinata l’incendio era domato del tutto e si è proceduto, cosi, alla bonifica dell’area percorsa dalle fiamme. Come hanno rilevato il responsabile del Dipartimento delle Foreste di Ragusa, Maurizio Marchetti e il responsabile del distaccamento provinciale, Alessandro Panza, i danni causati dal fuoco, su una superficie di circa dieci ettari, non sono particolarmente rilevanti, visto che per l’opera di bonifica eseguita le fiamme non hanno raggiunto le chiome delle conifere. In buona sostanza non dovremmo vedere piante del tutto arse. Tocca ora agli agenti della Forestale avviare le difficili indagini per capire chi ha appiccato il fuoco.