Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 626
CHIARAMONTE GULFI - 12/07/2016
Cronache - I vigili del fuoco hanno lavorato incessantemente notte e giorno

Incendio doloso in 9 punti nel cuore boschivo

Una zona alquanto impervia che è stata scelta dai criminali piromani in modo preciso Foto Corrierediragusa.it

E’ stata una nottata e buona parte della mattinata di gran lavoro per le squadre dell’antincendio della Forestale, impegnati su ben due fronti di fuoco. Sulla natura dolosa degli incendi non vi è dubbio, giacché le fiamme sono state appiccate in diversi punti e in piena notte. A «Cava Acqua», in pieno territorio boschivo, infatti, sono stati contati ben sei punti fuoco. Mentre in contrada Cassarello, quasi a margine del demanio delle Forestale, erano ben tre i focolai. Alle prime luci dell’alba, per la totale mancanza di vento, si era formata sulla vallata dell’Ippari una densissima coltre di fumo, estesa centinaia di metri. Dopo i primi interventi a terra per tutta la notte da parte delle squadre antincendio, durante il giorno sono stati attivati due canadair che hanno eseguito diversi lanci d’acqua. Già alle nove del mattino l’incendio in contrada «Cava Acqua» era del tutto spento. Poi la bonifica del territorio e la conta dei danni.

Molto più impegnativo, invece, l’incendio in contrada Cassarello, che ha messo a dura prova gli uomini a terra e il pilota di un canadair, costretto a funamboliche picchiate per scendere il più possibile tra le due colline che delimitano quella zona. Una zona alquanto impervia quella scelta dai criminali piromani in modo preciso, per endere lo spegnimento molto difficoltoso. Solo verso le 13 anche questo incendio è stato domato. Alla conta dei danni, parziale per ora, almeno circa venti ettari di bosco è andato in fumo. Ancora una volta, quindi, la mano dell’uomo ha generato devastazione in parte del bosco di conifere di oltre quindici anni.

Nella foto in altro uno dei canadair in azione con i lanci d´acqua nella zona interessata dalle fiamme e dal densissimo fumo