Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 706
CHIARAMONTE GULFI - 05/08/2014
Cronache - I residenti hanno subito lanciato l’allarme

Ignoto piromane tenta di dare fuoco al bosco Arcibessi

A metà pomeriggio un altro «assalto» di un piromane, stavolta nell’area adiacente la zona artigianale di contrada Coffa Foto Corrierediragusa.it

A distanza di un anno circa una mano ignota, almeno per il momento, ha cercato di bruciare il bosco di contrada Ferriero (foto). Verso le 13, quando sulla zona spirava un leggero vento di scirocco, qualcuno ha appiccato il fuoco sul ciglio di una strada comunale. La sua azione è stata notata da alcuni cittadini che si trovavano sulle terrazze delle loro abitazione, prospicienti il costone. Ora toccherà alle forze dell’ordine individuare il piromane che anche stavolta ha scelto il momento più propizio per provare a ridurre in cenere tutto il bosco del Monte Arcibessi che nel 2001 subì la stessa sorte. Ma il suo malevolo piano non è andato a buon fine, merito delle squadre della Forestale che sono intervenute nel volgere di pochi minuti. Grazie alla loro azione e quella della locale Protezione Civile, il fuoco è stato subito circoscritto e si è evitato il peggio. Alla fine, dopo meno di un’ora di intenso lavoro, le fiamme erano spente. Poi e per tutto il pomeriggio gli uomini della forestale hanno setacciato l’area bruciata per «bonificare» quel territorio ed evitare che il vento alimentasse qualche focolaio non spento del tutto.

A metà pomeriggio un altro «assalto» di un piromane, stavolta nell’area adiacente la zona artigianale di contrada Coffa. Anche stavolta le squadre antincendio della Forestale hanno avuto la meglio sulle fiamme e nessun danno è stato segnalato agli opifici. Quanto successo dovrà essere attenzionato con particolare cura delle forze dell’ordine che, dopo aver individuato il piromane ragazzino dell’anno scorso, ora sono chiamati a dare un volto a questo malvivente.