Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1442
CHIARAMONTE GULFI - 13/03/2014
Cronache - Vittima una residente che si è vista recapitare 3 bollette di altrettante società

Falsi contratti di fornitura elettrica

Non è escluso che anche altri ignari cittadini possano essere rimasti vittima di tale truffa Foto Corrierediragusa.it

Al termine di una lunga indagine attivata a seguito delle denunce-querele presentate negli ultimi mesi da una signora residente a Chiaramonte, i Carabinieri hanno denunciato in stato di libertà per i reati di falsità in scrittura privata, truffa, ricettazione e trattamento abusivo dei dati personali 3 promotori commerciali catanesi, una donna e 2 uomini. Si tratta di V.C., 27 anni, con precedenti di polizia; S.P., 25 anni, con precedenti di polizia, e D.B., 20 anni, incensurato. I tre sono ritenuti responsabili di aver originato 3 contratti fittizi per la fornitura di energia elettrica a favore di tre differenti società operanti nel mercato libero della fornitura di energia elettrica a nome della denunciante. Quest’ultima vedendosi recapitare tre differenti fatturazioni, si era immediatamente rivolta alla Stazione Carabinieri per sporgere formale querela. I militari, nel volgere di pochi mesi, hanno individuato il sistema utilizzato dai truffatori. Nello specifico i tre, al fine di percepire le provvigioni contrattuali da parte delle società di fornitura, avevano estrapolato i dati della malcapitata da alcune fatture asportate dalla cassetta della posta dell’abitazione della stessa, compilando i moduli e trasmettendoli, tramite un’agenzia di promozione, alla sede centrale delle tre società, interrompendo di fatto il rapporto contrattuale con la società con cui invece la signora aveva stipulato regolare contratto.

Ovviamente, il semplice invio del modulo non sarebbe stato di per sé sufficiente all’attivazione del contratto, pertanto si rendeva necessario un ulteriore passaggio cui i tre avevano «argutamente» trovato una soluzione. Infatti, come noto, le società di energia elettrica per confermare l’attivazione della fornitura, contattano telefonicamente gli utenti finali: ebbene alla telefonata da parte dei rispettivi uffici commerciali rispondevano direttamente i tre truffatori, i quali avevano preventivamente inserito nel modulo un’utenza telefonica in loro possesso al posto del reale numero di cellulare degli utenti, simulando pertanto di essere i reali destinatari della fornitura, assicurandosi così che la pratica andasse a buon fine, con la conseguente liquidazione delle provvigioni. Non è escluso che anche altri ignari cittadini possano essere rimasti vittima di tale truffa. Gli eventuali truffati sono invitati a recarsi nella caserma di Via Alcanata di Chiaramonte Gulfi, portando con sé tutta la documentazione necessaria. Sono in corso indagini da parte dei Carabinieri per verificare l’eventuale coinvolgimento di altri soggetti.