Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 764
CHIARAMONTE GULFI - 03/11/2013
Cronache - Spettacolare incidente autonomo nel pomeriggio di domenica nei pressi di Roccazzo

Ubriachi in auto contro albero: sono vivi

Erano in 3 dentro una Citroen Saxo: due sono usciti dalle lamiere strisciando, il terzo col femore spezzato è stato estratto dai vigili del fuoco e dagli operatori del «118» muniti di sega elettrica e tenaglie
Foto CorrierediRagusa.it

A vedere le immagini sembra che dalla Citroen Saxo (foto) schiacciata dall’albero d’ulivo i soccorritori abbiano estratto poltiglia umana; invece, per fortuna, i tre romeni che sedevano nell’abitacolo sono ancora vivi. Piuttosto malconci ma vivi. Miracolati! Due sono usciti dai rottami strisciando fra le lamiere accartocciate, ma il terzo per tirarlo fuori dall’abitacolo schiacciato dal tronco dell’albero d´ulivo spezzato, i vigili del fuoco e gli operatori del «118» si sono dovuti improvvisare fabbri muniti di tenaglie e boscaioli dotati di sega elettrica.

Alla fine, dopo qualche ora di lavoro degli operai-soccorritori il romeno senza documenti addosso è stato tirato fuori che non sentiva più le gambe e nemmeno dolore: bene anestetizzato com’era dall’alcol che aveva ingurgitato insieme agli altri due prima di entrare nell’auto. Il ferito più grave è stato ricoverato in ospedale a Vittoria: s’è spezzato il femore, non guarirà prima di 40 giorni.

Lo spettacolare incidente si è verificato alle 17,15 di domenica sulla provinciale Cannamelito Pantaleo tra la 514 e Roccazzo, all´altezza della centrale Enel per un incidente stradale autonomo. L’epilogo, tutto sommato, è stato fortunato due volte: i 3 romeni sono usciti vivi e l’incidente è stato autonomo. Il danno maggiore l’ha subito un albero d’ulivo, pianta sacra perché produce olio (fra l’altro dop essendo in agro di Roccazzo), che è stato spezzato in due e che probabilmente dovrà essere estirpato.