Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:15 - Lettori online 1079
CHIARAMONTE GULFI - 04/10/2013
Cronache - Numerosi i posti di blocco

Azione mirata dei Carabinieri dopo il pestaggio a Roccazzo

Denunciate diverse persone

A seguito della drammatica vicenda ai danni di Antonino Distefano e degli innumerevoli furti nei territori rurali del territorio di Chiaramonte Gulfi, è stato predisposto dal Comando dei Carabinieri di Vittoria, diretto dal Capitano Francesco Soricelli, un controllo ad ampio raggio delle zone interessate. L’azione ha avuto inizio nelle prime ore del pomeriggio e si è protratta fino a notte fonda, prendendo parte all’operazione, anche l’unità del 12° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Catania. Sono stati effettuati posti di controllo nei crocevia più importanti, con l’obbiettivo di eseguire accertamenti nei confronti di soggetti pericolosi o che a seguito della loro condotta dessero adito a sospetti.

Nello specifico, i Carabinieri delle stazione di Comiso e di Chiaramonte Gulfi hanno intercettato e deferito in stato di libertà diverse persone. Complessivamente durante il servizio è stata ritirata una patente, effettuate dieci contravvenzioni, sequestrati quattro veicoli ed eseguite perquisizioni personali, veicolari e domiciliari volte alla ricerca di armi e refurtiva. Nel corso dei controlli, un romeno, con precedenti per furto, è stato trovato in possesso di un manganello di fattura artigianale.

L’arma è stata sequestrata e sarà sottoposta ad analisi per verificare se sia stata utilizzata in qualche azione delittuosa. Forse la stessa che ha visto come vittima il leader del movimento «Avanti Popolo»? Domanda a cui è presto dare una risposta, quel che è certo è che l’azione di controllo delle aree rurali ritenute più a rischio proseguirà nei prossimi giorni, a seguito delle disposizioni dettate dal Prefetto di Ragusa. Inoltre le stazioni dei Carabinieri di Comiso e Chiaramonte Gulfi, hanno intrapreso un percorso di collaborazione per i territori confinanti, insieme al coordinamento con le locali polizie municipali. Tutti provvedimenti volti a porre fine a una situazione divenuta ormai pesante.