Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 625
CHIARAMONTE GULFI - 04/07/2013
Cronache - I Carabinieri hanno denunciato un insospettabile, cogliendolo in flagranza

Piromane appena 15enne sorpreso con accendino in mano

Nessuno avrebbe potuto credere che l’autore dell’ incendio che ha devastato parte del patrimonio demaniale del Monte Arcibessi fosse un ragazzino

Una storia che non ti aspetti. Nessuno avrebbe potuto credere che l´autore dell’ incendio che ha devastato parte del patrimonio demaniale del Monte Arcibessi fosse un ragazzino di appena 15 anni. Questo il risultato delle indagini condotte dai Carabinieri della locale stazione, con in testa il maresciallo Alberto Bruno, che hanno scoperto in flagranza di reato un ragazzo incensurato di quindici anni studente e di buona famiglia. I carabinieri lo hanno sorpreso la notte scorsa mentre in contrada Ferriero, a poche centinaia di metri dalla zona dove sabato scorso si è sviluppato un altro incendio, con un accendino in mano mentre stava provando a dar fuoco a delle sterpaglie. L´intervento dei Carabinieri ha evitato il peggio e allo stesso tempo e stato utile per intercettare il ragazzino piromane. Da quanto si è potuto apprendere degli ambienti investigativi lo stesso pare abbia chiaramente affermato di essere stato lui l´autore di un altro incendio che proprio sabato scorso ha lambito anche una abitazione privata.

Ora i militari sono impegnati a capire se lo stesso ragazzino e stato l´autore di altri incendi che si sono consumati sia all´interno della cittadina, nella zona adiacente la villa comunale, in quella che viene denominato come il «boschetto», sia gli altri che sono stati appiccati sempre della zona della Ferriero. A quanto pare questo giovane si spostava con un motorino e dopo aver dato fuoco cercava di dileguarsi nelle stradine adiacenti. G.C. è stato denunciato a piede libero, data l´età, al Tribunale dei Minori di Catania e dovrà rispondere del reato di incendio boschivo aggravato e continuato. Rimane per tutti un interrogativo: perché un ragazzo di quell’età, apparentemente senza problemi particolari, abbia deciso di far ardere il bosco, caricandosi di un così grave reato? Il ragazzo è stato poi, dopo le formalità di rito, accompagnato a casa dai suoi genitori che più di tutti hanno provato sorpresa e allo stesso tempo smarrimento per quello che ha fatto.