Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 529
CHIARAMONTE GULFI - 07/01/2013
Cronache - Merito anche del coraggio dimostrato dal comandante dei carabinieri

Scippano collana a romena: 3 arresti

I tre sono tutti pregiudicati per reati contro il patrimonio

Ancora una volta non è stato facile per una banda di piccoli malviventi «espugnare» la cittadina montana di Chiaramonte Gulfi. Grazie alla sinergia tra i cittadini e i carabinieri per tre gelesi, di cui due minorenni, non c’è stato scampo. Merito anche del coraggio dimostrato dal comandante della locale stazione, Alberto Bruno che da solo ha affrontato e bloccato i tre a bordo di una Mercedes, mentre tentavano d’allontanarsi da centro cittadino.

Poco prima il Comandante Bruno era stato raggiunto da una telefonata d’alcuni passanti che segnalavano queste presenze sospette. E subito dopo da una signora rumena che denunciava lo scippo di una collanina, sempre in quella zona. Il militare è stato poi coadiuvato da altri Carabinieri del gruppo radiomobile di Vittoria. Dalla perquisizione della vettura sono stati rinvenuti attrezzi adatti allo scasso. Motivo per cui i tre venivano anche denunciati per il tentato furto, avvenuto poco prima presso l’abitazione di un’altra signora chiaramontana.

I tre, tutti pregiudicati per reati contro il patrimonio, sono stati condotti presso la caserma del Comune ibleo, dove erano immediatamente riconosciuti dalla vittima della scippo quali autori del reato, motivo per il quale, il maggiorenne, Giuseppe Aglietti, vent’anni, di Gela era tratto in arresto e condotto presso la Casa Circondariale di Ragusa e i due minorenni, (M.C. e S.M.), deferiti, in stato di libertà, al giudice del Tribunale dei Minorenni di Catania. Non è la prima volta che il maresciallo Alberto Bruno si è distinto per l’efficacia della sua azione, contribuendo e non poco a garantire agli abitanti del centro cittadino quella tranquillità da tanti invidiata.