Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1072
CHIARAMONTE GULFI - 03/11/2011
Cronache - Un caso di violenza sessuale a Chiaramonte Gulfi

Abusi su bimba di 5 anni, domiciliari per un incensurato

L’uomo, amico di infanzia del padre della vittima, avrebbe afferrato la bimba per il collo per dedicare le sue attenzioni dentro il garage. E’ stato denunciato dalla madre della piccola. Nel 2009 un altro caso nei confronti di un nipote sempre di 5 anni
Foto CorrierediRagusa.it

Il maniaco sessuale di mezza età perde il pelo ma non il vizio. Il vizio di adescare bambini di 5 anni e di iniziarli alla pratica del sesso. Il gip di Ragusa, su richiesta del pm Serena Menicucci, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari eseguita dai Carabinieri della Compagnia di Vittoria e della Stazione di Chiaramonte Gulfi. L’uomo è agli arresti domiciliari in attesa del processo.

G.S. , bracciante agricolo di 56 anni, è accusato di avere avuto attenzioni sessuali su una bimba di 5 anni, per fortuna pare che non ci sia stato congiungimento carnale. E’ stata la madre della bambina a sporgere denuncia ai carabinieri dopo il racconto della figlia. L’uomo, amico d’infanzia del padre e frequentatore dell’abitazione della famiglia, avrebbe, secondo il racconto della vittima, costretto la bambina, afferrandola per il collo in modo da non potersi allontanare, a subire attenzioni sessuali all’interno del garage di proprietà della famiglia.

Quando i militari dell’Arma lo hanno identificato, si sono accorti che a carico dell’arrestato c’era già un fascicolo giudiziario aperto per lo stesso reato. Nel luglio del 2009, infatti, il bracciante chiaramontano è stato indagato per aver compiuto atti sessuali nei confronti del nipote di 5 anni. Adesso è a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Nella foto, la piazza di Chiaramonte Gulfi


ma bravi...
03/11/2011 | 16.03.11
giovanni

l´aveva già fatto... ora l´ha rifatto un´altra volta e, invece di finire in galera, gli si danno gli arresti domiciliari!
il nostro codice penale è veramente penoso e vergognoso!
siamo peggio che nella repubblica delle banane...
VERGOGNA!