Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 881
CHIARAMONTE GULFI - 28/05/2011
Cronache - Il giovane doveva partecipare ad una festa di compleanno

Incidente sulla strada del Santuario di Gulfi: perde la vita un minorenne

Trasportato all’Ospedale Guzzardi di Vittoria, i medici hanno tentato in ogni modo di salvarlo
Foto CorrierediRagusa.it

Per i chiaramontani la strada che porta al Santuario di Gulfi ha qualcosa di sacro. Da quella ripida discesa d’un tratto si apre allo sguardo il Santuario che custodisce la statua della Vergine Maria. Su quella strada, nel volgere di pochi mesi, è scorso il sangue di due persone coinvolte in due diversi incidenti stradali. Non era mai successo e ciò inquieta.

L’ultima vittima in ordine di tempo è stato un giovane che avrebbe compiuto diciotto anni l’ultimo giorno di questo mese. Si chiamava Sebastiano Scifo (foto). L’altra notte, verso le 23,30, con il suo ciclomotore percorreva in discesa quella strada. Dietro di lui, su un altro scooter, un amico. Entrambi erano diretti a una festa di compleanno. Ad un tratto Sebastiano ha svoltato a sinistra per immettersi sulla provinciale che da Chiaramonte Gulfi porta a Comiso.

Nella sua mente la certezza di avere il giusto margine di tempo per evitare l’impatto con una vettura che transitava sulla carreggiata opposta. Ma sbagliava, purtroppo. L’impatto è stato inevitabile e violentissimo. Sebastiano Scifo cadeva a terra privo di sensi. E’ apparso subito chiaro ai sanitari del 118, subito giunti sul luogo dell’incidente, che l’impatto aveva provocato preoccupanti lesioni interne e le condizioni del giovane erano disperate. Trasportato all’Ospedale Guzzardi di Vittoria, i medici hanno tentato in ogni modo di salvarlo.

Ma ogni tentativo in tal senso non ha sortito nessun effetto. Lo sfortunato ragazzo spirava alle prime luci dell’alba di questo sabato. Sebastiano è stato, poi, sottoposto, nelle stessa mattinata, ad autopsia, su disposizione dell’autorità giudiziaria, al fine di stabilire le cause della morte. Sul posto del mortale incidente per qualche ora hanno operato le forze dell’ordine per le constatazioni di rito. Sebastiano era alquanto noto nella cittadina, vuoi anche per la mamma Viviana che, malgrado altri lutti in famiglia (la madre è morta circa un anno fa in un altro incidente stradale) non ha mai smesso di impegnarsi volontaria della Protezione Civile, per gli altri.