Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1252
CHIARAMONTE GULFI - 16/03/2011
Cronache - Chiaramonte Gulfi: dopo il furto dei cavi dell’energia elettrica

Territorio di Chiaramonte al buio a causa dei ladri

Una situazione grottesca e a dir poco incredibile

«Appena» quindici giorni fa, ignoti malviventi hanno rubato i cavi dell’energia elettrica e da allora una parte consistente di C.da Beviere è senza luce. In questa storia non c’è il gigante buono che sistema tutto e d’incanto restituisce alle famiglie l’elettricità,- C’è, di contro, l’Enel che non si decide ad intervenire e ignora da ben quindici giorni i tanti reclami di chi abita in quella zona. Non curante dei bisogni più elementari di ogni famiglia, costretta a vivere a lume di candela, a riscaldarsi l’acqua con il fornello del gas, la compagnia elettrica continua a rimandare di giorno in giorno la soluzione del problema. Così non rimane altro, ai poveri malcapitati, di protestare a ripetizione, ma tutto è ancora in alto mare.

Una situazione grottesca e a dir poco incredibile. L’elettricità in quella contrada, alle spalle della frazione di Roccazzo, in direzione Comiso, non è solo indispensabile per ogni umana attività, ma è anche di grande aiuto per sentirsi più sicuri, al riparo da chi di notte profane le abitazioni, alla ricerca anche di poche cose. Ma tutto ciò non pare impensierisca i funzionari dell’Enel che promettono un intervento urgente: ma sono passati ben quindici giorni. Ora la situazione è veramente al limite e si annunciano anche azioni giudiziarie per interruzione di pubblico servizio.