Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 289
ACATE - 14/05/2010
Cronache - Acate: le manette sono scattate per un bracciante agricolo clandestino

Arrestato terzo tunisino del branco che violentò romena

L’immigrato si era rifugiato in un casolare alla periferia di Acate

E’ stato arrestato giovedì pomeriggio dai carabinieri nelle campagne di Acate il terzo dei tre tunisini ritenuti responsabili dei reati di violenza sessuale e sequestro di persona nei confronti di due donne romene circa un mese fa. I militari hanno individuato ed arrestato in un casolare di contrada Macconi Tourkia Maher, tunisino 26enne, bracciante agricolo, clandestino, già riconosciuto dalle vittime assieme ai due connazionali già in manette, vale a dire Hammadi Brahim e Garbi Ayme.

Dalla ricostruzione dei militari era stato accertato, infatti, che la sera precedente al 12 aprile, i due, si erano recati a casa delle due donne, una 41enne e una 46enne di origine romena, e, dopo aver cenato insieme, Hammadi abusava sessualmente della più giovane delle due con la quale, peraltro, aveva già convissuto in passato per qualche tempo, minacciandola di picchiarla se avesse rifiutato il rapporto sessuale. Anche Garbi avrebbe tentato di abusare a sua volta della stessa donna, che avrebbe però opposto resistenza tanto da far desistere l’uomo.

Le due donne quindi riuscivano a rinchiudersi all’interno della stanza da letto. Idue uomini si allontanavano dall’abitazione dopo aver chiuso a chiave la porta. Fortunatamente però una delle due vittime era in possesso di un telefono cellulare con cui erano riuscite a chiamare i carabinieri, che avevano rintracciato ed arrestato i due malviventi.

Durante il racconto delle due donne poi, le vittime avevano citato la presenza di un terzo uomo che però si sarebbe dileguato. Quest’uomo era proprio Maher Tourkia, risultato peraltro clandestino in quanto si era trattenuto sul territorio nazionale nonostante il decreto di espulsione impostogli dalle autorità provinciali nissene nell’agosto del 2009.