Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 20 Novembre 2017 - Aggiornato alle 14:38 - Lettori online 1139
ACATE - 01/09/2017
Cronache - Operazione condotto dai Carabinieri con vari appostamenti

Sequestro discarica a Macconi, denunciato agricoltore

E’ incensurato, accusato di abbandono, combustione e smaltimento illecito di rifiuti speciali Foto Corrierediragusa.it

Una discarica abusiva è stata scoperta e sequestrata in contrada Macconi. I carabinieri hanno individuato alcune zone dove sono stati bruciati scarti di coltivazioni serricole e plastica. Denunciato un 55enne del posto, incensurato, accusato di abbandono, combustione e smaltimento illecito di rifiuti speciali con emissioni diffuse in atmosfera di polveri. L’intera area, estesa su oltre 100 metri quadrati, è stata sottoposta a sequestro. Sono in corso accertamenti di natura tecnica per individuare corpi metallici nel sottosuolo e per accertare il livello e la gravità dell’inquinamento prodotto. I militari si sono appostati in contrada Macconi e hanno scoperto cumuli di rifiuti, per svariate tonnellate di materiale plastico e rifiuti organici di ogni genere. L’accumulo di rifiuti speciali, delle materie plastiche e la loro combustione provoca lo sversamento nel terreno di liquidi e sostanze altamente nocive, che possono inquinare il suolo e le relative falde acquifere, mentre nell’aria si liberano idrocarburi altamente inquinanti.

I militari cercano di contrastare fenomeno delle cosiddette «fumarole», causate dall’abitudine di dare alle fiamme, all’interno delle aziende agricole, scarti plastici di varia natura come teli per la copertura delle serre, contenitori di prodotti per l’agricoltura come i vasetti in polistirolo usati per la germinazione delle piantine. Questo tipo di rifiuti vengono spesso sotterrati, dando luogo ad episodi di inquinamento atmosferico e determinando una situazione di rischio per la salute pubblica.