Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 21 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 9:26 - Lettori online 843
ACATE - 27/04/2017
Cronache - Qualcuno ha creato un falso profilo del primo cittadino su Facebook

Disavventura a "luci rosse" per il sindaco Raffo

Si sta cercando di risalire in breve tempo ai responsabili Foto Corrierediragusa.it

Non è stato un 25 aprile da ricordare per il sindaco di Acate Franco Raffo (foto): proprio durante la festa della Liberazione infatti, in tanti hanno ricevuto una richiesta d’amicizia su Facebook proveniente da un profilo falso del primo cittadino. Sul profilo una foto di Raffo e pubblicato in copertina delle immagini a "luci rosse", chiaramente create con un grossolano fotomontaggio. Il sindaco di Acate ha subito avvisato i cittadini della circostanza tramite il suo profilo autentico e ufficiale: «Invito gli amici di Facebook - ha scritto sulla sua bacheca - di non accettare la richiesta di amicizia proveniente da un profilo uguale al mio ma palesemente falso, in attesa che la polizia postale e le autorità competenti facciano piena luce sugli autori». Tanti i commenti di solidarietà nei confronti del primo cittadino, che si è trovato vittima di una pratica ormai parecchio diffusa su internet: la clonazione di profili e la creazione di fotomontaggi di cattivo gusto con le immagini dei malcapitati presi di mira da presunti hacker per i più disparati motivi, a cominciare da quello del ricatto.

Alcune vittime, difatti, si sono viste arrivare richieste di denaro affinchè venissero tolte dal web le fittizie immagini che le riguardavano. Naturalmente nella fattispecie l’accaduto è stato denunciato alla polizia postale e alla Digos mentre il sindaco ha preferito non rilasciare dichiarazioni ufficiali, pare proprio per non compromettere le indagini. Il profilo fasullo, come da prassi in questi casi, è rimasto attivo per poche ore e poi rimosso. Adesso spetterà agli inquirenti riuscire a risalire alle identità dei responsabili.

Ha collaborato Chiara Carbone