Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1430
ACATE - 07/07/2014
Cronache - Destinatari Salvatore Cannizzo e Giuseppe Giliberto

Eseguite dai carabinieri 2 pene definitive per furti

I due erano stati arrestati dagli stessi militari Foto Corrierediragusa.it

I carabinieri della stazione di Acate hanno dato esecuzione all’ordine di esecuzione della pena definitiva per Salvatore Cannizzo, 53 anni, bracciante agricolo, residente ad Acate, pluripregiudicato, attualmente sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, per i reati di furto aggravato commessi ad Acate nel 2010, a seguito della condanna alla pena principale di 4 anni di reclusione e 700 euro di multa, oltre alla pena accessoria della interdizione dei pubblici uffici per 5 anni. Cannizzo è stato riconosciuto colpevole di due distinti furti di attrezzature agricole commessi nel settembre e nel dicembre 2010 ad Acate e a seguito dei quali era stato scoperto e denunciato dai carabinieri. Al termine delle formalità di rito, l’uomo è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa.

Sempre i militari hanno dato esecuzione ad un altro ordine di carcerazione in regime di arresti domiciliari nei confronti di Giuseppe Giliberto, 55enne vittoriese, pluripregiudicato, dovendo scontare una pena definitiva un anno e 3 mesi di reclusione per un furto in abitazione commesso a Comiso nell’ottobre 2010, di cui parte già scontata. Giliberto, il 9 agosto 2013, era stato tratto in arresto dai militari nell´ambito dell´operazione denominata "Clepto", unitamente ad altre cinque persone, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale di Ragusa poichè ritenuti responsabili, a vario titolo e in concorso fra loro, di furti in abitazione commessi a Vittoria, Comiso e Donnalucata dal settembre 2012.