Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 833
ACATE - 14/05/2014
Cronache - Manette per un 22enne

Droga in casa, Chessari arrestato dai Carabinieri

Il giovane è stato sottoposto ai domiciliari Foto Corrierediragusa.it

Nuovo blitz della Stazione Carabinieri di Acate contro lo spaccio di sostanze stupefacenti nel territorio della giurisdizione di competenza. In manette è finito Angelo Maximilian Chessari, 22 anni, residente ad Acate, celibe, disoccupato, con precedenti per droga. I Carabinieri, al termine di un lungo servizio di osservazione, notavano Chessari avvicinarsi ad un casolare adiacente la sua abitazione , da dove tirava fuori un vaso azzurro contenente delle piante di marijuana, portandolo dentro una serra per innaffiarla. A seguito di ciò, i militari decidevano di intervenire e di estendere la perquisizione a tutto il domicilio, rinvenendo 24 piante di «cannabis indica», di altezza variabile tra i 10 e i 70 cm, coltivate in vasi situati all’interno di serre in disuso presenti in un terreno di pertinenza dell’abitazione e 20 grammi di sostanza stupefacente del tipo «marijuana», conservata parte in un bicchiere all’interno di un frigorifero e parte in altri luoghi dell’abitazione. Nel casolare veniva scovato un essiccatoio realizzato artigianalmente con della plastica da serre e telaio con cavalletti da muratura, un bilancino di precisione nonché vari prodotti fertilizzanti e riviste esplicative dei metodi di coltivazione.

Chessari è stato sottoposto agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria iblea davanti la quale dovrà rispondere dei reati di coltivazione, produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Complessivamente, con questo arresto, salgono a 24 le persone tratte in arresto nel 2014, nell’ambito del contrasto allo spaccio di droga nella giurisdizione della Compagnia di Vittoria.