Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 779
ACATE - 02/10/2013
Cronache - Scoperto un immobile abusivo di nuova costruzione

Abusivismo edilizio: denunciato un acatese

L’immobile era stato costruito senza il prescritto permesso di costruire

Un immobile di nuova costruzione, rustico, di 150 metri quadri e un volume di 450 metri cubi, è stato posto sotto sequestro dai Carabinieri di Acate. Il proprietario dell’immobile, un commerciante incensurato acatese di 57 anni, è stato denunciato alla Procura della Repubblica per il reato di abusivismo edilizio. Alla scoperta della violazione edilizia, non è la prima ad Acate in quest’ultimo periodo, i militari dell’Arma sono giunti a seguito di una prolungata indagine effettuata anche con l’ausilio del 12° Nucleo Elicotteri di Catania.

L’immobile era stato costruito senza il prescritto permesso di costruire; senza un progetto esecutivo, nonché senza la direzione dei lavori da parte di un tecnico qualificato e senza aver preventivamente denunziato l’inizio dei lavori in questione al competente ufficio del genio civile. Inoltre, viene contestata l’aggravante di aver realizzato le predette opere abusive in zona sismica, senza avere rispettato le norme e le prescrizioni tecniche contenute nei decreti ministeriali vigenti e senza avere altresì ottenuto la prescritta autorizzazione da parte dell’ufficio tecnico regionale.

Continua dunque l’attività di monitoraggio e di contrasto da parte dei Carabinieri della Compagnia di Vittoria al fenomeno dell’abusivismo edilizio. Nel mese di giugno scorso 2 coniugi e il fratello del marito, erano stati deferiti poiché veniva accertato che i due immobili adiacenti di loro proprietà, siti nel Centro di Acate, erano stati costruiti in modo completamente abusivo. Precedentemente nel mese di aprile un’altra coppia di coniugi acatesi era stata ritenuta responsabile di aver realizzato, presso l’area di proprietà sita in contrada «Fossati», abusivamente un manufatto composto da 11 pilastri in cemento armato ed un muro divisorio in difformità a quanto autorizzato dal Comune di Acate, in zona sismica senza avere rispettato norme e prescrizioni tecniche nei decreti ministeriali vigenti, nonché senza aver denunciato l’inizio dei lavori alle competenti autorità e privi della prescritta autorizzazione da parte dell’ufficio tecnico della Regione Sicilia.