Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 882
ACATE - 21/09/2013
Cronache - Un altro caso di stalking ad Acate fermato dai Carabinieri

Marito violento lancia pietre alla moglie e ai figli: arrestato

L’uomo, 55 anni, già noto alle forze dell’ordine, minacciava di morte la moglie e i figli. Era in possesso di armi bianche e persino di un nunchaku (arma da kung-fu)

Maltrattamenti in famiglia, quarto arresto in pochi giorni operato dai Carabinieri. A finire in manette un acatese di 55 anni originario di Gela, già noto negli ambienti giudiziari per altri reati. E’ stato sorpreso dai militari mentre rincorreva la moglie e i suoi due figli lanciandogli pietre nei pressi nella loro abitazione. L’uomo, oltre alle ingiurie e alle minacce di morte, aveva anche tentato di colpire la moglie con una spranga da carpentiere. Violenza impedita grazie al tempestivo intervento del figlio.

Dagli accertamenti effettuati dai militari della Stazione acatese, l’evento si inquadra in un contesto familiare caratterizzato da continue ingiurie, minacce, percosse e violenze da parte dell’uomo nei confronti della consorte e dei figli per futili motivi, anche mediante l’utilizzo di armi bianche. Infatti, nel corso della perquisizione personale l’arrestato veniva trovato in possesso di un coltellino a serramanico; mentre, nel corso di quella domiciliare, venivano rinvenuti 4 coltelli di varie dimensioni, un frustino da fantino ed un nunchaku (arma da kung-fu composta da due manganelli con anima in acciaio tenuti saldati da una catena metallica), il tutto sottoposto a sequestro probatorio.

L’arrestato ha accusato un malore ed è stato trasportato con il «118» presso l’ospedale Guzzardi di Vittoria, dove è stato ricoverato in osservazione nel reparto di cardiologia e piantonato da militari dell´Arma.