Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:51 - Lettori online 541
ACATE - 02/05/2013
Cronache - Evasa pure l’Iva per circa 45mila euro

Sottratti all´Erario 220mila euro da consulenti del lavoro

E’ probabile che buona parte del denaro incassato e non dichiarato sia riferibile alla gestione delle posizioni lavorative dei propri assistiti Foto Corrierediragusa.it

Avevano nascosto all’Erario redditi per oltre 220mila euro ed evaso Iva per circa 45mila euro. E’ quanto emerso da una verifica fiscale della Guardia di finanza di Vittoria a carico di di uno studio associato di Acate che si occupa di «servizi forniti da ragionieri e periti contabili». Le operazioni hanno riguardato la verifica degli obblighi relativi alla corretta tenuta della contabilità, nonché la scansione dei flussi finanziari e delle reali disponibilità del soggetto. La lente d’ingrandimento è stata indirizzata sulla ricostruzione dei compensi percepiti dal rappresentante legale dello studio, consulente del lavoro acatese. E’ probabile che buona parte del denaro incassato e non dichiarato sia riferibile alla gestione delle posizioni lavorative dei propri assistiti.

Essendovi forte sospetto che venissero eseguite prestazioni lavorative «in nero» per gran parte della clientela, i finanzieri della Tenenza di Vittoria sono intervenuti per recuperare tutti i compensi non dichiarati. La reale capacità contributiva del soggetto verificato è stata rilevata grazie al confronto tra le risultanze degli accertamenti bancari e i valori desumibili dalla lettura delle dichiarazioni annuali e delle altre scritture contabili obbligatorie.

Per quanto non siano state riscontrate violazioni «formali», ovvero inerenti la tenuta dei libri e dei registri contabili, si sono potute riscontrare violazioni «sostanziali». Queste ultime sono riferite al corretto assolvimento egli obblighi impositivi, ovvero al verificare che il contribuente abbia calcolato in maniera corretta l’importo da sottoporre a tassazione.