Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:52 - Lettori online 727
ACATE - 12/04/2013
Cronache - I Carabinieri di Acate recuperano refurtiva scolastica

Ritrovati altri computer rubati nella scuola "Volta" di Acate

Denunciate in tutto 9 persone. Già restituita la refurtiva

E’ stata quasi del tutto recuperata la refurtiva delle scuole di Acate a seguito dei furti avvenuti agli inizi del 2013. In tutto ora sono 9 i soggetti denunciati dai Carabinieri del piccolo comune ibleo alla Procura della Repubblica. Il primo ritrovamento degli oggetti informatici rubati era avvenuto lo scorso 19 febbraio in seguito a perquisizioni domiciliari effettuati dai militari dell’Arma nelle abitazioni di una libera professionista, di un operaio incensurato e di un bracciante agricolo pregiudicato.

Erano stati ritrovati 3 computer completi dei relativi monitor e cavetteria. In particolar modo, i furti erano stati consumati il 29 dicembre 2012 all’interno della Scuola Media «A. Volta»; il 14 gennaio 2013 all’interno degli uffici comunali adibiti al «Settore Servizi Sociali; il 31 gennaio 2013, nella citata scuola Volta.

Nel prosieguo delle indagini, i Carabinieri della Stazione ieri hanno effettuato un’altra serie di perquisizioni presso altre 3 abitazioni di Acate, nel corso delle quali i proprietari sono stati trovati in possesso di 2 computer rispettivamente marca «Fujitsu» e «Asus», asportati in data 14 gennaio 2013 presso l’Ufficio Servizi Sociali del Comune di Acate, nonché di altri 2 marca «Comex» ed un monitor marca «I-See», occultati all’interno di un’intercarpedine ricavata sul pavimento dell’ingresso dell’abitazione di uno di loro, asportati in data 29 dicembre 2012 presso l’Istituto Comprensivo «A. Volta» di Acate, facenti parte di un progetto PON Sicilia ed acquistati con dei contributi regionali. Inoltre è stato accertato che il computer «Asus» era stato acquistato da un pregiudicato di Acate, mentre gli altri 3 dallo stesso soggetto pregiudicato, già deferito in stato di libertà lo scorso 19 febbraio per aver venduto un altro computer rubato. I 5 soggetti dovranno rispondere del reato di ricettazione.