Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1429
ACATE - 24/01/2013
Cronache - In contrada Baucino, territorio al confine con Vittoria

Abusivismo edilizio, 6 denunciati ad Acate

Sigilli dei carabinieri in un immobile di 150 metri quadri per 450 metri di cubatura realizzato senza alcuna autorizzazione
Foto CorrierediRagusa.it

Scoperto abusivismo edilizio in contrada Baucino, territorio di Vittoria al confine con il comune di Acate. I Carabinieri della Stazione acatese hanno messo gli occhi e i sigilli su un immobile in costruzione di 150 metri quadri per una cubatura di 450 metri realizzato senza il prescritto permesso a costruire, senza un progetto esecutivo, nonché senza aver affidato la direzione dei lavori ad un tecnico qualificato e senza aver preventivamente denunziato l’inizio dei lavori in questione al competente ufficio del genio civile: il tutto con l’aggravante di aver realizzato l’opera abusiva in zona sismica, senza avere rispettato le norme e le prescrizioni tecniche contenute nei decreti ministeriali vigenti nonché senza aver ottenuto la prescritta autorizzazione da parte dell’Ufficio Tecnico Regionale.

La proprietaria del terreno, un’acatese di 27 anni, il committente dei lavori, un gelese di 37 anni residente ad Acate e i 4 muratori, due vittoriesi e due acatesi, sono stati tutti denunciati alla Procura della Repubblica in quanto ritenuti responsabili di aver messo in opera in concorso tra loro l’edificio senza le autorizzazioni previste dalla legge. L’immobile, ancora in fase di realizzazione, allo stato rustico, realizzato in piano con il terreno, che presenta un piano di calpestio in calcestruzzo, tamponatura perimetralmente ed interna in conci di tufo e solaio in mattoni forati e travi con armatura in ferro, è stato sottoposto a sequestro preventivo dai militari operanti.