Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 874
ACATE - 16/03/2008
Cronache - Acate - In contrada Bosco Grande, territorio di Acate

Bruciato capannone per imballaggi ortofrutticoli

Danni per centinaia di migliaia di euro. Indagano i Carabinieri Foto Corrierediragusa.it

Distrutto dalle fiamme un capannone dell’azienda Bosco Grande (nella foto), sita nell’omonima contrada in territorio di Acate. Ingenti i danni: anche se non si è ancora in grado di definirli con precisione, si parla di centinaia di migliaia di euro. Il fuoco ha distrutto un capannone di circa 400 metri quadri adibito a deposito di materiali in plastica e cartone utilizzati per l’imballaggio di prodotti ortofrutticoli. L’allarme è scattato intorno all’una di notte, quando sono giunte al "115" numerose telefonate.

La sala operativa del Distaccamento di Vittoria è intervenuta con due automezzi, uno l’APS (autopompa serbatoio) il mezzo che contiene attrezzature, materiali e circa 3000 litri di acqua, ed un altro automezzo ABP (autopompa serbatoio) che trasporta 8.00 litri di acqua. Da Ragusa, inoltre, è stato disposto l’invio di un’altra ABP. Il capannone distrutto era stato realizzato in struttura precaria (tubolari in ferro, copertura e tamponamenti in lamierino).

Per avere ragione dell’incendio che ha completamente distrutto la struttura e i materiali dentro depositati, compreso il muletto, i vigili hanno operato per circa tre ore, durante le quali le due autobotti hanno effettuato 4 rifornimenti idrici presso l’idrante sito in via della Resistenza ad Acate messo a disposizione dal Comune.

Dolo o sinistro accidentale? Il dilemma impegna i Carabinieri di Acate, intervenuti subito dopo il fatto. Sono in corso indagini per accertare tutti i particolari allo scopo di stabilire se dietro il colossale incendio ci sia la mano ignota del racket o di qualche altra attività delinquenziale. I militari dell’Arma, come sempre avviene in questi casi, hanno cominciato a interrogare i titolari dell’azienda allo scopo di trovare qualche indizio utile alle indagini.