Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 716
ACATE - 05/12/2011
Cronache - E’ successo sabato sera alle 18,30 nel piccolo centro ibleo

Rapina al market di corso Indipendenza ad Acate

I malviventi, in due con volto travisato e armati, hanno arraffato mille euro prima di fuggire. Indagano i Carabinieri

Natale è alle porte, il periodo giusto per compiere rapine. E’ successo sabato sera, alle 18,30, ad Acate. In due, armati, volto coperto, entrano nel market di corso Indipendenza, arraffano mille euro e fuggono a piedi, forse per raggiungere un complice in macchina. Dall’accento si presume siano italiani. Dentro il market oltre ai dipendenti c’erano due –tre clienti. Di fronte alla minaccia della pistola, il cassiere ha consegnato i soli e la paura è finita. Dopo la rapina il market è rimasto aperto fino all’orario di chiusura. Qualche minuto dopo la rapina sono arrivati i Carabinieri di Acate che hanno avviato le indagini, in verità molto difficili.

Immediata la presa di posizione della Confcommercio provinciale. «Torniamo ancora ad intervenire, purtroppo a distanza di pochi giorni, per esprimere solidarietà nei confronti di alcuni operatori commerciali vittime di gravi episodi criminali». Si esprime così il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Sergio Magro, dopo la rapina ad Acate.

«Oltre ad essere vicini ai commercianti in questione a nome mio personale e di tutto il sistema Confcommercio – aggiunge Magro – chiediamo alle forze dell’ordine di fare piena luce anche su questo drammatico episodio. Negli ultimi giorni, nell’area iblea, si è registrata un’escalation di fatti criminosi in danno ai commercianti che non lascia presagire alcunché di buono». Solidarietà arriva anche dal presidente della sezione Ascom di Acate, Francesco Gianninoto. «Siamo attoniti – dice quest’ultimo – per le modalità dell’azione criminale. Rimaniamo basiti di fronte a tanta impudenza da parte dei criminali. I commercianti del territorio, adesso, temono per la propria incolumità».