Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 741
ACATE - 21/03/2011
Cronache - Acate: hanno rubato una Fiat 500, un computer, un modem, una fotocamera

Notte brava di 5 giovani vittoriesi in trasferta ad Acate

Tre sono stati arrestati, gli altri due, minori, sono stati avviati presso il Cpa di Catania

La notte brava finisce in carcere per cinque giovani vittoriesi in trasferta ad Acate. Tre sono stati rinchiusi presso il carcere di contrada Pendente a Ragusa e due presso il CPA di Catania perché minori. Devono rispondere del furto di una autovettura e presso uno studio di Acate; uno del quintetto deve anche rispondere di guida senza patente.

D.R., Z.H., C.G., B.A., D.A., di cui gli ultimi 2 minorenni, sono stati intercettati nel centro abitato di Acate da un pattuglia della Guardia di Finanza nel cuore della notte dopo che il gruppetto aveva girovagato per bar e pub della cittadina. La giornata dei cinque giovani, di età compresa tra i 17 ed i 20 anni, era cominciata dal furto di una Fiat 500 a Vittoria grazie alla disponibilità della quale i giovani si sono diretti ad Acate; qui hanno pensato bene di rubare da uno studio legale un computer portatile, una fotocamera digitale , un modem ed 800 euro in contanti. La macchina è stata notata dalla pattuglia dei finanzieri ed al primo controllo è emerso che i cinque avevano consumato uno spinello ed il conducente era privo della patente di guida perché mai conseguita, reato per il quale era stato già denunciato; il giovane inoltre è risultato destinatario di provvedimenti giudiziari quali furto, rapina, ricettazione, evasione ed aveva anche partecipato alla rapina ai danni di un sacerdote di Vittoria nel 2009.

Ulteriori controlli alla macchina hanno consentito di accertare la presenza della refurtiva di cui i cinque non hanno saputo dare spiegazioni. I cinque vittoriesi sono stati condotti successivamente in caserma dove il proprietario della macchina e dello studio legale hanno potuto prendere atto del furto, di cui non avevano ancora avuto contezza.