Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1051
ACATE - 12/03/2011
Cronache - Acate: movimentato arresto da parte dei Carabinieri

Ubriaco spara fucilate in aria in piazza Matteotti

Dino Placido Giuffrida, in preda ai fumi dell’alcol, protagonista di una singolare bravata bloccata a fatica dai militari dell’Arma
Foto CorrierediRagusa.it

Non era lui che premeva il grilletto, ma l’alcol che aveva in testa. Fucilate nella piazza Matteotti ad Acate. I Carabinieri lo hanno arrestato a fatica, rischiando pure di prendere calci e pugni. Girava a bordo di Volkswagen Golf e con la doppietta sparava in aria fucilate. E siccome Dino Placido Giuffrida (foto) era ubriaco, c’era il pericolo che qualche rosata di pallini finisse addosso a qualche passante.

Qualcuno ha telefonato al «112» per segnalare che uomo gira armato a bordo della una Volkswagen Golf e spara fucilate in aria senza alcun motivo. I militari intuiscono subito che Dino Placido Giuffrida, volto noto alle forze dell’ordine per precedenti reati, è motivato dall’alcol. Gli tolgono il fucile dalle mani e le 34 cartucce che ancora non aveva sparato e cercano di portarlo in caserma. Impresa difficile. Perché Giuffrida, oltre alle minacce, si scaglia contro i militari e li colpisce ripetutamente nel tentativo di fuggire. Nell’aggredire i militari l’uomo trova un complice, S.G. acatese di 34 anni, che non esita a scagliarsi contro i militari per non consentire l’arresto di Giuffrida.

Dopo un po’ di resistenza i Carabinieri hanno la meglio su entrambi. Giuffrida viene condotto in caserma e dichiarato in arresto; S.G. , che potrebbe essere un parente dell’arrestato, viene soltanto denunciato a piede libero per resistenza a pubblico ufficiale. L’arrestato dovrà rispondere di detenzione e porto illegale di arma da fuoco clandestina e del relativo munizionamento, nonché di resistenza a pubblico ufficiale, minacce, lesioni personali e ubriachezza molesta.