Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 977
ACATE - 23/08/2010
Cronache - Acate: la bambina viaggiava sulla Lancia Y condotta dal padre 40enne

Comunità tunisina in lutto per la piccola Sarra Farhat

Quasi illesi il genitore della piccola vittima e i due ragazzi di Gela, un giovane e una ragazza di 24 e 23 anni, a bordo della Wolksvagen Passat

Comunità tunisina in lutto per la morte di Sarra Farhat, la bimba di 5 anni deceduta domenica pomeriggio nello scontro tra due auto verificatosi lungo la provinciale Acate - Chiaramonte Gulfi. L’incidente mortale è avvenuto nei pressi del bivio Cancellieri, all´intersezione con la provinciale Comiso – Mazzarrone. La Lancia Y con a bordo la piccola e con al volante il padre, un 40enne bracciante agricolo di Comiso, per cause da accertare si è scontrata con una Wolkswagen Passat nella quale viaggiavano due ragazzi di Gela, un uomo e una donna di 24 e 23 anni, che avevano trascorso la domenica a Marina di Ragusa.

La Lancia Y viaggiava in direzione Comiso, mentre la Passat era diretta verso Acate. Sono stati gli altri automobilisti a chiamare i soccorsi. La bambina è stata subito condotta in ambulanza al Guzzardi di Vittoria, dove il suo cuoricino ha cessato di battere dopo pochi minuti dal ricovero in rianimazione. Nel reparto dell’ospedale lo straziante pianto dei parenti, con in primis la madre e il padre, che ha riportato ferite lievi dallo scontro, dal quale invece sono usciti pressoché illesi i due ragazzi di Gela, con prognosi di circa una settimana. Non altrettanto fortunata, purtroppo, la bambina tunisina, che viveva a Comiso con i genitori immigrati.

I rilievi sono stati effettuati dal nucleo radiomobile, che sta accertando la dinamica dell’incidente mortale, forse dovuto ad una mancata precedenza e alla pericolosità che da sempre contraddistingue questa arteria. Il magistrato ha ritenuto non necessaria l´autopsia, pertanto il corpicino della bambina sarà restituito ai familiari nelle prossime ore per il rito funebre.