Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1059
VITTORIA - 05/12/2007
Attualità - Ragusa - E’ stato fatto il punto della situazione a Vittoria

Dirigente nazionale Sco
in provincia per discutere dell´emergenza criminalità

Nulla è stato tralasciato: dalle rapine agli attentati incendiari Foto Corrierediragusa.it

Un alto dirigente nazionale dello Sco, Servizio centrale operativo, è stato presente ieri a Ragusa per fare il punto della situazione alla luce degli ultimi fatti delittuosi che si sono verificati in provincia e in modo particolare a Vittoria.

Con il primo dirigente di divisione Raffaele Grassi, giunto da Roma, c’erano anche il questore Giuseppe Oddo, il capo della Mobile Francesco Marino, il dirigente del commissariato di Vittoria Alfonso Capraro, magistrati della Dda di Catania e della Procura della Repubblica di Ragusa.

"Un normale incontro- spiegano alla questura di Ragusa- niente di allarmante". E’ stato fatto il punto su tutti gli episodi criminali che si sono verificati nella zona. Nulla è stato tralasciato: dalle rapine agli attentati incendiari. Si vuole capire il nesso fra loro, se sono legati al fenomeno delle estorsioni o se trattasi di singolari episodi compiuti da cani sciolti.

"Incontri periodici che si svolgono in più parti dell’Italia- sostiene il capo della Mobile Francesco Marino- stavolta ci siamo riuniti a Ragusa. Ordinaria amministrazione, nel corso della quale cerchiamo di capire molte cose e di lavorare sinergicamente per debellare il fenomeno malavitoso che tanti problemi crea all’immagine e all’economia del territorio".

Un incontro che ha toccato tematiche generali, ma ha focalizzato molto da vicino gli episodi di Vittoria. Le rapine e soprattutto i vari incendi al mercato ortofrutticolo del luglio scorso e alle segherie di imballaggi nel mese di ottobre che hanno fatto temere la recrudescenza del fenomeno estorsivo.