Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 481
VITTORIA - 16/07/2010
Attualità - Vittoria: nella sala operatoria del «Guzzardi», si «parla» comisano

Vittoria, delicati interventi alzano il livello della Chirurgia

Un angioma epatico e un’occlusione intestinale da invaginazione ben fatti hanno salvato la vita a un paziente di 55 anni e a una bambina di 3 anni e mezzo
Foto CorrierediRagusa.it

Il 19 marzo un delicato intervento per asportare un angioma epatico gigante su un paziente di 55 anni, patologia rara che attacca il fegato «privilegiando» pazienti di sesso maschile; il 29 aprile scorso sotto i ferri della Chirurgia del «Guzzardi» è andata una paziente di appena 3 anni e mezzo per un’altra gravissima patologia: occlusione intestinale da invaginazione ileoceale.

«Tradotto in maniera semplice per chi è a digiuno di medicina, trattasi dell’intestino piccolo che va a infilarsi dentro il colon»- informa il chirurgo Salvatore La Terra (nella foto), che con il collega Salvatore Trubia, s’è trovato di fronte l’emergenza di due delicati casi chirurgici riusciti in pieno. Entrambi, con il dott, Salvo Di Pietro, fanno parte dell’équipe diretta dal dott. Maurizio Carnazza, primario facente funzione di Chirurgia generale da quando il professor Vincenzo Minutolo s’è trasferito al «Cannizzaro» di Catania.

Due episodi di buona chirurgia in 15 giorni non sono un caso fortuito ma il trend positivo di una sanità d’eccellenza che si fa apprezzare nonostante le misure draconiane prese dai governi regionale e nazionale. Numeri col segno più che azzerano quel che di male si dice spesso della sanità di periferia. «I piccoli centri vanno potenziati non distrutti- affermava un medico di livello internazionale- perché fungono da supporto alle grandi strutture metropolitane».

Una nota curiosa emerge all’ospedale «Guzzardi» di Vittoria. La Chirurgia generale parla comisano. A cominciare dal primario facente funzione Maurizio Carnazza, per continuare a Salvatore La Terra e Salvatore Di Pietro. E che dire del direttore di Gastroenterologia endoscopica digestiva Nunzio Belluardo, un altro comisano, autore anch’egli di recenti importanti interventi al colon effettuati in laparoscopia?