Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 872
VITTORIA - 19/06/2010
Attualità - Vittoria: per entrare al Comune a tempo determinato e indeterminato

Vittoria: nuove regole di partecipazione ai concorsi

Le ha stabilite il Consiglio nell’ultima seduta

Nuove regole di partecipazione ai concorsi per entrare al Comune a tempo determinato e indeterminato. E non si dovrà neanche pagare la tassa per partecipare. Le ha stabilite il Consiglio nell’ultima seduta approvando le procedure di riforma volute dalla maggioranza consiliare che sono in netto contrasto con quelle stabilite in precedenza dall’amministrazione comunale. Sedici i votanti, con i sostenitori della giunta nettamente spaccati. Angelo Macca e Alfonso La Marmora hanno votato «no» all’atto, Davide Privitelli si è astenuto, mentre Piero Gurrieri, il punto di riferimento di questo nuovo regolamento, e Filippo Tuttobene (consiglieri Pd) hanno votato a favore dell’atto.

Le parole servono a poco per analizzare il voto, basta valutare cosa è successo all’interno della maggioranza che s’appresta a chiudere la legislatura, tenuto conto anche che tanti altri consiglieri del Pd non hanno partecipato al voto.
Chiuso l’argomento squisitamente politico, è doveroso entrare nel merito delle nuove procedure concorsuali esaltate da Nello Dieli (consigliere contrario all’amministrazione) e Piero Gurrieri (esponente espressione del Pd).

"C’era la necessità –sostiene Nello Dieli- di individuare soluzioni alternative rispetto a quelle proposte dall’amministrazione, che individuava nei «quiz» il metodo per selezionare i vigili urbani da assumere a tempo determinato. Una procedura mutuata dal Comune di Ragusa che, come si legge dai giornali, ha lasciato molto a desiderare in termini di trasparenza.

La proposta voluta da diversi consiglieri comunali e concretizzata dal consigliere Guerrieri, individua come unica procedura di selezione i soli titoli e detta parametri predeterminati, certi ed ispirati al contenimento della discrezionalità ed al principio della massima partecipazione alle procedure concorsuali, lasciando alla competenza della Giunta l’adozione dei regolamenti sull’ordinamento degli uffici e dei servizi, nel rispetto dei criteri generali stabiliti dal Consiglio".

Anche il consigliere Gurrieri parla di "serata straordinaria che ricorderemo a lungo. Sono certo che le regole che abbiamo dato alla città saranno apprezzate da tutti, o almeno da quanti (e sono la stragrande maggioranza) intendono concorrere alle procedure di assunzione con la garanzia di essere giudicati in modo trasparente ed imparziale.

Con la prima delibera il Consiglio ha infatti stabilito con effetto immediato: la soppressione per qualsiasi procedura di ogni tassa di concorso a carico dei partecipanti; la formazione delle graduatorie solo per titoli (da autocertificare) così da garantire a tutti i partecipanti la precisa conoscenza, fin dalla presentazione della domanda, dei punteggi sulla cui base saranno dichiarati i vincitori; l´attribuzione della responsabilità delle operazioni di concorso ad una commissione esterna all´ente, estratta a sorteggio da un albo regionale di esperti.

Con la seconda delibera il civico consesso ha messo mano agli incarichi di consulenza introducendo disposizioni dirette a garantire la tutela del denaro pubblico e l´affidamento degli incarichi a persone in possesso di preparazione e competenza indiscussa e indiscutibile. E’ stato stabilito: che gli incarichi possano essere affidati solo nella certificata impossibilità di ricorrere al personale dell´ente e soltanto per fini istituzionali; che la selezione degli esperti debba essere per titoli, tutti prestabiliti nel bando; che al termine dell´incarico (rigorosamente temporaneo) debba essere predisposta da parte del professionista una relazione finale contenente l´illustrazione dei risultati raggiunti.
Resto altresì perplesso, da uomo del centro sinistra, dagli orientamenti assunti, che ugualmente rispetto, sia dall´amministrazione che da alcuni consiglieri di questa parte politica, che hanno perso un´occasione irripetibile di affermare con nettezza principi che devono essere certamente patrimonio di tutte le parti politiche".