Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1166
VITTORIA - 09/05/2010
Attualità - La disavventura di un insegnante di sostegno originario di Vittoria

"Siciliano di m...." Piemonte razzista verso un vittoriese

E’ accaduto a Casale Monferrato. Il commento del sindaco Nicosia: "Un gesto odioso"

Vittoria è indignata per l’episodio d’intolleranza razziale registratosi in provincia di Alessandria ai danni di un insegnante di sostegno per diversamente abili frequentanti le scuole elementari. L’insegnate, originario proprio di Vittoria, dove la famiglia risiede, ma da qualche mese trasferitosi a Casale Monferrato per motivi di lavoro, è stato insultato dal gestore di una piscina della cittadina piemontese, che lo avrebbe definito un «siciliano di m…», e preferiamo non riportare il resto dell’insulto a sfondo razziale, facilmente intuibile. Un’ingiustificabile aggressione verbale finita in commissariato, dove il vittoriese si è recato per sporgere denuncia querela a carico dell’ineducato gestore della piscina.

Questi avrebbe difatti fornito dei suggerimenti all’insegnante di Vittoria sul come convincere il ragazzino diversamente abile, di cui era responsabile, ad entrare nella vasca della piscina, stante la riluttanza del giovane. Pare che il gestore della piscina avrebbe addirittura suggerito all’insegnante di sostegno di Vittoria di assestare un paio di scappellotti al ragazzino, per essere più persuasivo. Quando il vittoriese ha invitato il gestore della piscina a badare ai fatti suoi, questi lo ha letteralmente cacciato dalla struttura, insultandolo sulla sua origine meridionale.

Sull’increscioso episodio è intervenuto anche il sindaco di Vittoria Giuseppe Nicosia, secondo cui «Siamo di fronte ad un atto odioso, che dimostra la stupidità e l’ignoranza di questo signore» al quale comunque Nicosia rivolge l’invito di venire a Vittoria «Dove troverà ospitalità nonostante l’accaduto, e una notevole dose di umanità».