Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 916
VITTORIA - 28/04/2010
Attualità - Vittoria: il perito è stato malmenato per avere contestato scarsa efficienza

Vittoria: consulente del sindaco aggredisce perito agrario

I sindacati hanno diffuso una nota congiunta, esprimendo solidarietà alla vittima dell’aggressione Foto Corrierediragusa.it

Un tecnico del settore manutenzionie verde pubblico del Comune, Giuseppe Salerno, perito agrario, è stato aggredito mentre stava svolgendo un sopralluogo all´impianto di irrigazione di un´aiuola alla villa comunale (nella foto), dal consulente del sindaco per il verde pubblico. Salerno è stato aggredito fisicamente dall´incaricato dal sindaco, C. M., che ha inteso difendere gli operai addetti alla scerbatura delle aiuole. Salerno, che ha riportato lievi ferite e contusioni, è stato condotto al pronto soccorso, dove è stato giudicato guaribile in 4 giorni.

Secondo la versione dei fatti fornita dall´ufficio Manutenzioni, Giuseppe Salerno ha chiesto maggiore attenzione nella tosatura del prato per evitare danneggiamenti agli irrigatori automatici. In pratica, qualche volta capitava che mentre tagliavano l´erba gli operai rompevano pure gli impianti di irrigazione automatica. C.M., in qualità di incaricato del sindaco al verde pubblico, ha rimproverato prima e aggredito dopo Giuseppe Salerno. Ai fatti ha assistito anche il direttore dell´Amiu Roberto Sisino. Sull´episodio, Giuseppe Salerno ha sporto denuncia all´autorità giudiziaria.

I sindacati hanno diffuso una nota congiunta, esprimendo solidarietà alla vittima dell’aggressione. Cgil, Cisl, Uil e Ugl hanno chiesto al comune di intervenire affinché non si verifichino simili episodi. «Facciamo appello ai principi di legalità, a cui si ispira questa amministrazione – scrivono i sindacati in una nota – certi che si procederà in tempi brevi ad una ferma e concreta risposta di condanna verso chi ha messo a rischio l’incolumità fisica dell´impiegato».