Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:51 - Lettori online 595
VITTORIA - 27/11/2007
Attualità - Vittoria - Positivo incontro a Catania dell’assessore Giacchi

Strenna natalizia: soldi
in arrivo per i pescatori
di Scoglitti

Prima delle festività 136 famiglie di Scoglitti dovrebbero ricevere le spettanze relative al fermo biologico 2006 Foto Corrierediragusa.it

La missione a Catania dell’assessore Angelo Giacchi ha sortito risultati positivi per i pescatori di Scoglitti che attendono il pagamento del fermo biologico 2006.

I mandati sono pronti ed entro il 30 novembre saranno firmati. E’ questo l’accordo raggiunto fra l’assessore Giacchi e il comandante della Capitaneria di porto di Catania Fabrizio Coche. "Dopo l’incontro con l’assessorato regionale- rassicura Angelo Giacchi- ho ricevuto le garanzie che attendevo dalla Capitaneria di porto di Catania. Sono stati emanati 128 dei 136 mandati di pagamento per la marineria di Scoglitti. Gli altri 6 sono stati sospesi per anomalie burocratiche e sono al vaglio della Commissione regionale per essere esaminate e sbloccate nell’arco di 15 giorni".

Prima di Natale, dunque 136 famiglie di Scoglitti dovrebbero ricevere le spettanze relative al fermo biologico 2006. Rimarrebbe aperta ancora la questione del 2007. "Che sarà ripresa nei primi giorni dell’anno nuovo- assicura Angelo Giacchi ? in modo da evitare altre difficoltà alla categoria dei pescatori di Scoglitti".

Un problema che si ripete puntuale ogni e anno e con la solita frequenza, purtroppo. Non è la prima volta che per colpa della burocrazia i pescatori di Scoglitti abbiano a soffrire lunghe attese prima di ricevere l’indennità di fermo biologico, sostentamento necessario e irrinunciabile per colmare i vuoti provocati dal fermo della pesca. Perché questi ritardi, ci si chiede, se sono spettanze dovute per legge alla categoria marittima? Un interrogativo senza risposta, come i tanti che provocano inefficienze e disguidi nei vari settori produttivi del paese