Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:36 - Lettori online 1360
VITTORIA - 05/04/2010
Attualità - Vittoria: l’Emaia accelera i tempi per riattivare le zone blu

Il progetto che riattiva gli ausiliari del traffico a Vittoria

Il servizio passerà all’azienda speciale. Il direttore Angelo Fraschilla: «Se l’atto verrà approvato in Commissione Affari generali e in Consiglio comunale, si può ripartire presto»
Foto CorrierediRagusa.it

Prima dell’estate i Vat dovrebbero riprendere lavoro a Vittoria. Se i calcoli di Angelo Fraschilla (nella foto il primo da sinistra con Giuseppe Nicosia e Salvatore Di Falco), direttore dell’Emaia e «padre» del progetto che riforma l’esercito degli ausiliari del traffico sono esatti, prima dell’estate le «giubbe blu» torneranno a regolamentare le zone a pagamento, a presidiare il parcheggio Emaia, a mettere ordine durante le feste comandate, insomma, a rendere la città simile a tutti gli altri centri urbani d’Italia. «Il progetto è pronto- afferma Angelo Fraschilla- almeno per quanto riguarda l’amministrazione comunale. Nel senso che dopo Pasqua andrà all’esame della Commissione Affare generali e poi in Consiglio comunale per essere votato».

In sintesi, la riattivazione delle zone blu e la gestione dell’Emaia, avverrà in questo modo. Il Comune affiderà all’Emaia, attraverso un atto concessorio, la gestione del servizio Vat con criteri nuovi rispetto al passato. Si porrà anche il problema della retribuzione di questi lavoratori.

«Saranno retribuiti in base a quello che prevede il contratto collettivo di lavoro, diciamo meglio nel rispetto delle norme vigenti. Che costo avranno per l’Emaia? Spero costo zero. L’Emaia attingerà il personale da un elenco di circa 80 persone, che verranno assunte nel rispetto di una graduatoria e con criteri di rotazione. Quanti? Quanti ne servono in base alle esigenze dell’evento. Dieci, 20, 30, mai 80. Il sabato c’è il mercato, il venerdì santo per Pasqua, le campionarie, l’estate a Scoglitti, saranno gli eventi a determinare l’utilizzo del personale».

Al fine di non scontentare nessuno servirà una gestione oculata e razionale, che non discrimini e che non crei privilegi per nessuno. Fra le prime cose da fare, la nuova segnaletica blu nel centro storico e dove esistevano già le strisce. Escluso la domenica e i festivi, parcheggiare nelle zone blu avrà un costo, come in tutte le altre città. Con la duplice funzione: dare lavoro a tante famiglie ed eliminare la congestione del traffico nelle zone calde e commerciali».

Da un anno Vittoria è senza zone blu. Solo adesso s’è apprezzata l’importanza del servizio, appena è venuto a mancare. Chi sosta può stare un giorno, ma deve pagare, altrimenti deve lasciare il posto ad altri automobilisti, negli ultimi tempi impossibilitati a parcheggiare nel centro storico anche per effettuare una piccola spesa; perché il posto era occupato da un altro che magari non ha comprato niente ed ha usufruito del parcheggio gratuitamente. Danneggiando, soprattutto, i commercianti che hanno fatto minori affari.