Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 862
VITTORIA - 25/03/2010
Attualità - Vittoria: l’ultima della Sais Giamporcaro: soppressa una fermata

La Giamporcaro non ferma più allo stadio comunale

Fabio Prelati denuncia l’ennesimo disservizio-provocazione dell’azienda e chiede l’intervento dell’amministrazione comunale

Foto Corrierediragusa.it

La Sais Giamporcaro fa quello che vuole. Decide quando e come aumentare il biglietto del viaggio, accorciare la validità del ticket fra andata e ritorno, sopprimere fermate. L’ultima dell’azienda, che suona come una provocazione e un sopruso per i viaggiatori, quella che scatterà il primo aprile (speriamo si tratti di un pesce d’aprile), ovvero la soppressime della fermata allo stadio Comunale di Vittoria sulla tratta Vittoira-Catania.

Indignato il consigliere comunale di Idv Fabio Prelati(nella foto). "Com’è noto –precisa- tale fermata è da anni in aggiunta a quella del capolinea di piazza Nenni (stazione ferroviaria) e rappresenta un’importante alternativa per quegli utenti, anche forestieri, che intendono partire o arrivare in quella parte della città, tanto più che vi è ubicato l’ospedale «Guzzardi».

"Tanti cittadini si sono rivolti a me allarmati per la scelta compiuta salla Sais. Nell’avviso posto sui pullman e presso le biglietterie, fra l’altro, si danno informazioni fuorvianti. Infatti, la comunicazione agli utenti, oltre ad informare circa la soppressione della fermata, indica testualmente: «Percorso e fermate» e fra queste elenca, fra le altre, la S.S .115 e la Fontana della Pace, lasciando intendere, se la lingua italiana ha ancora un valore, che i passeggeri potrebbero salire o scendere dai pulman anche in piena strada statale 115, a rischio della propria ed altrui incolumità, o alla Fontana della Pace, dove è impossibile accedere con mezzi pesanti. È evidente che non è questa l’intenzione dell’azienda trasporti, ma le comunicazioni agli utenti di un servizio vanno date in maniera certamente più chiara».

Che fare? «Sono certo- conclude Prelati- che l´amministrazione comunale. di Vittoria tenterà di far valere le ragioni dei cittadini e degli studenti che devono recarsi a Catania, cercando per quanto è nelle sue possibilità di far recedere la Giamporcaro dalla decisione assunta. La questione, infine, pare che riguardi anche la città di Comiso dove, anche qui, è stata soppressa una fermata».