Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 1197
VITTORIA - 31/12/2009
Attualità - Vittoria: un mesaggio ai giovani perché non alzino troppo il gomito

I locali «in» dove "4 bicchieri" sono inclusi nel prezzo

Una provincia in festa e locali dove si fa a gara a chi fa bere di più. Nessuno pensa alla strada e al ritorno a casa. Messaggio particolare per i neo patentati
Foto CorrierediRagusa.it

Festa di Capodanno all’insegna dell’alcol! Vigilia dell’evento più atteso dell’anno: grandi cenoni, baldoria e balli fino all’alba. E chi, tra giovani e no, non va alla ricerca del locale più «in» del momento dove trascorrere l’attesissima serata che schiude le porte all’anno nuovo?

A Vittoria circolano da più di una settimana nomi di locali e localini dove andare a divertirsi in compagnia nell’attesa del 2010. Ed è qui che comincia la vera lotta alla concorrenza. Non parliamo di musica o spettacoli particolari, bensì di quanti cocktail i vari locali siano in grado di offrire ai giovani, biglietto incluso!

I prezzi d’ingresso oscillano dai 35 ai 50 euro, ma ciò che risalta all’orecchio del più acuto intenditore di feste notturne, è il numero di super alcolici che la casa offre omaggio in occasione del gran cenone. Dai dintorni vittoriesi, sino a Modica e Ragusa, ovvero alla ricerca dei locali più gettonati del momento: si parla di tre o addirittura quattro cocktail compresi nel prezzo d’ingresso, quasi a costringere il cliente a bere per forza.

Offerte allettanti che invitano all’alcol anche il più sobrio, attento e responsabile dei giovani: come si fa a resistere alle quattro consumazioni omaggio assicurate nel biglietto d’ingresso?

Tutto ciò contrasta con le vere e proprie campagne antialcol. Pensate a quanti giovani avranno preso la patente da poco, magari trascinati dall’euforia del momento e catapultati in una festa di fine anno dove l’alcol scorre dalla bottiglia al bicchiere che è un piacere. E poi? Il rischio di mettersi alla guida per il ritorno a casa (magari da Ragusa e da Modica) non in perfette condizioni psicofisiche.

Chi dovrebbe pensare a queste cose? Chi dovrebbe occuparsi della salute e della sicurezza dei tanti giovani che fra stanotte e domani saranno in giro per le strade di tutta la provincia? Chi dovrebbe evitare le quattro (!) consumazioni omaggio nei vari locali? Domande a cui, al momento, sembra difficile trovare risposte certe.