Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 727
VITTORIA - 18/12/2009
Attualità - Vittoria: un bonifico di 30 mila euro e il buon senso interrompono lo stato di agitazione

Vittoria: riaprono i cancelli della discarica, svuotati i cassonetti

L’accordo in Prefettura fra Vindigni, Icom e prefetto ha dato i frutti sperati. Si lavorerà anche domenica. L’Ato farà ancora qualcosa entro la fine dell’anno Foto Corrierediragusa.it

Vittoria era sull´orlo di un´emergenza rifiuti proprio in questi giorni pre natalizi. Alla fine, però, è prevalso il buon senso. Lo stato di agitazione degli operai della Icom, la ditta che gestisce la raccolta dei rifiuti, è rientrato e la situazione si avvia alla normalità. Lo svuotamento dei cassonetti dal pattume è ripreso a ritmo serrato già nelle prime ore del mattino.

L’Ato ha pagato una prima tranche di 30 mila euro alla Icom, a garanzia delle retribuzioni di novembre, dicembre e tredicesima, e altri impegni sta assumendo per venire ancora di più incontro alle esigenze della ditta che gestisce anche la discarica di Pozzo Bollente (nella foto), che, oltre Vittoria, serve i comuni di Comiso, Chiaramonte, Acate, Santa Croce Camerina e Modica. Proprio quest´ultimo comune aveva deciso di non conferire i rifiuti nella discarica comunale di Vittoria,in attesa che la situazione di schiarisse. In effetti, i cassonetti erano rimasti colmi di rifiuti anche a Modica non a causa di un´improvviso sciopero dei netturnini, ma proprio per la scelta della giunta di sospendere il conferimento del pattume, al fine di non rischiare di trovare i cancelli della discarica vittoriese chiusi.

Il bonifico ha fatto scattare una corsa contro il tempo per eliminare i disagi alla popolazione e il degrado ambientale che non si può nascondere. Un danno di immagine, oltre che d’igiene, che ricade sui comuni e sulle amministrazioni che governano, a prescindere dal colore politico. Per ovviare a questo inconveniente e liberare la città dai rifiuti accumulati in due giorni di agitazione, gli operai della Icom manterranno aperta la discarica anche domenica.