Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 876
VITTORIA - 18/11/2009
Attualità - Vittoria: la Cna sollecita il Comune ad accelerare le pratiche di concessione edilizia

Vittoria: urbanistica lenta, l´edilizia si blocca

Il sindacato degli edili suggerisce la creazione di un front-office pubblico-privato in internet per dare velocità e trasparenza alle pratiche. Il sindaco Nicosia: pronti a lavorare con la Cna a sostegno della categoria e con trasparenza"
Foto CorrierediRagusa.it

Rilascio concessioni sanatorie edilizie troppo lente, la Cna interpreta il malcontento del comparto e interviene per sollecitare l’amministrazione a trovare un’intesa con tecnici, imprenditori e sindacato. Lo vogliono Giuseppe Santocono (nella foto a destra con il predecessore Nuccio Randazzo) e Giorgio Stracquadanio, rispettivamente presidente e direttore della Cna.

Il cambio di dirigenti all’Ufficio Urbanistica ha rivoluzionato anche i metodi d’istruttoria delle pratiche. Dalla gestione dell’architetto Nunzio Barone a quella dell’ingegnere Alberto Avarino. Secondo il vecchio metodo, certamente più veloce, i progetti ottenevano il via libera anche se la pratica era incompleta di documentazione; tanto si definiva in corso d’opera. Adesso cavilli e burocrazia sono aumentati. Ci vuole il durc (documento di regolarità contributiva) e serve anche la documentazione completa. Alcuni tecnici non si sono adeguati al nuovo modo d’istruttoria della pratiche, per cui le concessioni rallentano, le aziende non iniziano l’edificazione e il malcontento cresce a dismisura.

Che fare? Ha torto l’Urbanistica, all’improvviso ufficio troppo burocratico e cavilloso, o hanno torto alcuni tecnici che non modificano il vecchio metodo di presentazione dei progetti? Ognuno si dia la risposta che preferisce. Ma qualcosa, per snellire le procedure, va fatta.

Ecco cosa suggeriscono Santocono e Stracquadanio della Cna. «La creazione di uno sportello unico (già come è in atto in altri comuni siciliani) per le imprese pubbliche e private. Creare un sito internet dotato della modulistica per ogni tipologia di progetto. Stipulare convenzioni con l’Enel, la Sovrintendenza, il Genio civile e comunque con tutti gli enti interessati a garantire la realizzazione dell’opera a e rendere più celere il processo dell’istruttoria che si conclude con il rilascio della concessione edilizia». Considerazione finale: è possibile in questo comune realizzare un progetto così semplice che altri enti locali molto più piccoli già adottano?

Il sindaco, Giuseppe Nicosia ha subito raccolto l’allarme lanciato dalla Cna in merito alla crisi del comparto edile. «Prendo atto del clima di fattiva collaborazione che si è instaurato con la confederazione degli artigiani e con il nuovo direttivo, presieduto da Giuseppe Santocono – dichiara il sindaco – Abbiamo obiettivi comuni, che sono la trasparenza e l’accelerazione delle procedure di rilascio di concessioni e autorizzazioni. Questa amministrazione riconosce un ruolo fondamentale all’edilizia nell’ambito dell’economia cittadina. Proprio per questo, vuole affrontare seriamente le tematiche del rilancio del comparto, e da qui a quindici giorni la Cna, assieme agli Ordini professionali interessati, sarà chiamata a partecipare ad una conferenza che rappresenterà una sorta di stati generali dell’edilizia. I protagonisti dell’appuntamento saranno proprio gli artigiani e i tecnici. Bisogna ripartire dallo sviluppo del territorio, e per farlo ritengo assolutamente necessario un confronto tra l’amministrazione e gli addetti ai lavori».