Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 858
VITTORIA - 15/11/2009
Attualità - Vittoria: ha chiuso i battenti la Campionaria novembrina

Emaia, boom di visitatori. La rassegna come ai tempi d´oro

Gli amministratori parlano di evento storico. Assegnati i premi ai migliori espositori. Emanuele Iemmolo di Gruppo Inventa: «Sicuramente vincente la prospettiva di internazionalizzare la manifestazione»
Foto CorrierediRagusa.it

E’ andata ancora meglio delle previsioni. Ben oltre le 100 mila presenze hanno affollato i padiglioni della 43. Emaia novembrina 2009. Era da tempo che non si vedeva tanta gente. La Campionaria d’autunno chiude in gran forma con un’autentica esplosione di visitatori. Un flusso costante e inarrestabile in particolare nella giornata conclusiva. Un pienone doppio considerato che la promenade ha proseguito, sabato e domenica, sino alla tradizionale Fiera di San Martino.

«Novembrina di successo- ha detto il sindaco Giuseppe Nicosia- perché l’Emaia ha amministratori di successo. I numeri hanno la forza di potere parlare da soli, contengono la forza dei fatti. La migliore risposta al vespaio di critiche e polemiche di chi continua a remare contro Emaia, patrimonio di tutta la città e del suo territorio».

Insieme al sindaco, il presidente della Fiera Emaia Salvatore Di Falco, il Cda Emaia al gran completo, il direttore Angelo Fraschilla e il presidente della giuria Liliana Comitini. Un giro di premiazioni iniziato dalla vetrina vincitrice. E’ lo stand dei fratelli Romeo, imprenditori ipparini del marmo, testimoni dell’orgoglio artigianale locale capace di tradursi in forza economica. Una vittoria ottenuta, come si legge nella motivazione della giuria per: «Eleganza, originalità nella presentazione del prodotto che si articola come una passeggiata tra gli elementi disposti in uno spazio sapientemente articolato».

Al secondo posto ex equo: il Gruppo Inventa di Pozzallo e la ditta catanese di Salvatore Felicini. Emanuele Iemmolo del Gruppo Inventa, nel ricevere il premio, ha messo in evidenza il nuovo spirito di Emaia. «Sicuramente vincente è la prospettiva di internazionalizzare la manifestazione fieristica. Il segnale più importante: la presenza del comune di Mellieha di Malta, è stata una scelta azzeccata. Il futuro dell’imprenditoria, di qualunque settore, compreso il nostro, che propone soluzioni abitative, i rivolge in una commercializzazione ad ampio raggio».

Ancora due ex- equo anche per il terzo posto: lo spazio promozionale della ditta d’arredi Classe A, Living, Sintesi e la vetrina etnica del senegalese Mbaye Dibril Gabriel. Un premio, questo, dal respiro multietnico. Nella motivazione infatti vi si legge che lo stand riflette. «l’apertura al mediterraneo sigillata dalle manifatture artigianali di un popolo lontano ma vicino all’arte». Sesto, settimo, ottavo, nono e decimo posto rispettivamente per Geotecnica-Sogno di sposa (6°), Etno House (7°), Ragusa Filippo (8°), Metalmeccanica Iraci. Maximum (9°), Peugeot di Cappello e Figli (10°).

Il premio Migliore Allestimento Stand- conclude il presidente della Fiera Emaia Salvatore Di Falco- testimonia la voglia di sinergia tra l’azienda e gli espositori. Una fideiussione che si è rinnovata, amplificandosi per questa 43° edizione, che ha avuto un altissimo gradimento di pubblico. Un’iniezione di fiducia per l’economia della città e di tutto il territorio ibleo che si conferma ricchissimo di energia e desideroso di rinascere. Un’iniezione di fiducia anche per l’azienda che si prepara a nuove sfide. La prima, a febbraio, per Kamò, la seconda a maggio per Agrem. Staff e management lavorano a pieno ritmo per il loro successo».

(Nella foto in alto, l´alta affluenza di visitatori nella cittadella fieristica)