Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 916
VITTORIA - 13/07/2009
Attualità - Vittoria: singolare situazione all’ospedale "Guzzardi"

Vietato abortire a Vittoria, Manno risponde a Caruano

Chiesto un incontro con il direttore generale dell’Ausl 7 Fulvio Manno
Foto CorrierediRagusa.it

Impossibile abortire al «Guzzardi». Una residente del comprensorio ipparino che intenda procedere all’interruzione volontaria di gravidanza, non può rivolgersi all’ospedale vittoriese. Deve cercare altrove. Una circostanza che il vice sindaco Gianni Caruano non vede di buon’occhio, in quanto sfocerebbe nell’illegalità.

Caruano ha quindi indirizzato una lettere al manager dell’Ausl 7 di Ragusa Fulvio Manno con la quale chiede per quale ragione al «Guzzardi» non venga garantita l’applicazione della legge sull’interruzione volontaria di gravidanza. Un incontro tra Caruano e Manno si terrà a breve.

«Se il problema è da ricondurre all’obiezione di coscienza – scrive Caruano – allora l’Ausl 7 deve stabilire, come è obbligatorio per legge, delle convenzioni con professionisti (ginecologi ed anestesisti), al fine di garantire l’applicazione della legge. Nessuno contesta la scelta personale degli obiettori di coscienza, ma questa scelta non può essere usata per impedire che sia garantito il diritto delle donne di Vittoria di avvalersi di una legge dello Stato italiano.

Vengano al «Guzzardi» i ginecologi di Ragusa e si ripristini la legalità. Mi risulta – prosegue il vice sindaco – che nell’organico dell’Ausl 7 vi sono medici che possono garantire il servizio. Quanto alla legge 194 – conclude Caruano – probabilmente va rivista perché è datata. Ma, innanzitutto, va applicata».

Il manager dell´Ausl 7 Fulvio Manno, in attesa d´incontrare Caruano, ha intanto chiarito che l´Ausl 7 non può entrare nel merito delle scelte operate dai medici. "Se in assoluta libertà ed autonomia - dice Manno - i medici decidono di diventare obiettori di coscienza, non possiamo di certo costringerli con la forza a praticare l´aborto. In ogni caso - conclude Manno - chi desidera procedere all´interruzione volontaria della gravidanza, può farlo a Ragusa, dove l´Ausl 7 è attrezzata in tal senso".

(Nella foto da sx il vice sindaco di Vittoria Gianni Caruano e il manger dell´Ausl 7 di Ragusa Fulvio Manno)