Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 838
VITTORIA - 06/07/2009
Attualità - Vittoria: lusinghieri risultati per la kermesse estiva

Estatemaia ha chiuso tra artigianato e... intimo

Il presidente della Fiera Emaia Salvatore Di Falco pronto a rinnovare la sinergia con Med-Intaly Foto Corrierediragusa.it

Tutta la seduzione dell’intimo e la preziosità di un abito ricamato hanno lasciato il segno nella sfilata di moda organizzata da Med- Intaly, Uniarti e Cora. In passerella al PalaModa oltre venti capi d’intimo, rigorosamente d’epoca, provenienti da una collezione privato hanno stupito il pubblico in sala.

Corsetti, mutandoni della nonna, camicie da notte, lisieuse, confezionati a mano e datati fine dell’Ottocento, hanno mostrato il volto più seduttivo ed ammaliante del corredo intimo femminile. Insieme all’intimo, la scena è stata catturata anche da un preziosissimo abito rinascimentale ispirato al capo indossato da Maria de Medici nel 1602 in occasione del suo «mariage» (nella foto). Un abito unico di trenta chili e fatturato con l’ausilio di ventimila perline.

A realizzarlo gli studenti del corso di Moda dell’Ipsia «Marconi- Cavour» che hanno portato in passerella altri cinque abiti sfilati in tandem con l’Ipsia Marconi di Vittoria. L’istituto professionale della città ha invece puntato su alcuni capi di grande effetto, alcuni realizzati per la sfilata- concorso di Sicilia di Moda. Convincenti anche le quattro modelle, Valentina, Eufraria, Cristina e Federica, nella vita di tutti i giorni studentesse ma che per un giorno hanno provato l’incanto della passerella.

Ed ancora altre chicche stilistiche in mostra al PalaModa con la collezione della stilista catanese Angela Lipomi che ha presentato una serie di capi confezionati avvalendosi dell’ausilio della «trina d’ago», una tecnica d’artigianato artistico molto particolare.

La serata di sabato ha cosi salutato la presenza in fiera di Med-Intaly. Grande soddisfazione da parte della sua presidentessa Geneviève Porpora che promette di ritornare nella magica terra di Sicilia per lasciare un’altra volta il prezioso «segno» dell’arte tessile.

Pronto a rinnovare la sinergia con Med-Intaly il presidente della Fiera Emaia Salvatore Di Falco apre la porta a tutto il settore dell’artigianato di qualità.