Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1247
VITTORIA - 12/06/2009
Attualità - Vittoria: il comune non paga e il proprietario vende il sito che ospita la scuola

Plesso «Garibaldi» in subbuglio per i nuovi locali

Si acuisce la protesta di docenti e genitori. L’assessore Macca: «Stiamo cercando nuovi locali, la protesta è strumentale»

Monta la protesta alla scuola del plesso Garbaldi. Insegnanti, alunni e genitori, temendo di vedersi sballottare in una zona distante dall’attuale sede allocata in via Garibaldi, proprio di fronte alla fiera Emaia, alzano il tono della voce per convincere l’amministrazione comunale a trovare altri locali idonei. Oggi è previsto un incontro fra l’assessore al Patrimonio Giovanni Macca e alla Cultura Anna Mezzasalma con il comitato dei genitori e la direttrice del plesso Garibaldi Franca Campanella.

La vicenda è scoppiata qualche mese fa quando il proprietario del sito, un vigile urbano, ha chiesto al Comune il saldo delle spettanze arretrate. Alla richiesta di dilazione da parte del Comune, il proprietario ha risposto negativamente optando per la vendita dell’immobile che attualmente ospita il sito. Da qui lo sfratto della scuola e la preoccupazione dei genitori e degli insegnanti di vedersi dirottare in un altro plesso non gradito e privo dei requisiti idonei.

Ieri l’amministrazione, con un documento uscito da palazzo Iacono, ha preso posizione. Il sindaco Nicosia ha tranquillizzato l’altra parte assicurando d’avere «già pubblicato il bando per la locazione di un locale alternativo, anche se finora non s’è fatto avanti nessuno. Non è facile trovare un edificio che abbia i requisiti di idoneità e di sicurezza». Giovanni Macca, assessore al Patrimonio, si spinge oltre. «Non capisco questo tentativo di polemizzare a tutti i costi, stiamo vagliando alcune soluzioni che illustreremo alla dirigente e ai genitori».

Macca aveva anche prospettato di utilizzare il plesso Lombardo Radice, secondo lui abbastanza capiente da ospitare anche gli alunni del Garibaldi. Dalla scuola, invece, fanno sapere che il plesso Radice non è già strapieno e che si è alla ricerca di altri spazi per soddisfare le nuove esigenze del plesso.

L’amministrazione comunale si tiene piuttosto cauta, ma avrebbe individuato un paio di siti, vicino al plesso Caruano in contrada Giardinazzo, che sottoporrà alla direzione scolastica. Di certo c’è che l’amministrazione ha da tempo rivisto la politica dei fitti e in questa occasione vorrebbe evitare di andare a stipulare un altro contratto con privati per definire una vertenza che ritiene potere accomodare con le risorse patrimoniali di cui dispone.