Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:03 - Lettori online 1384
VITTORIA - 15/05/2009
Attualità - Vittoria: conclusa l’8. edizione del premio alla memoria della giornalista

Vittoria: Tatiana Marchioro di Cecina vince il concorso nazionale Cutuli

Fra i relatori, Silvia Tortora (figlia di Enzo) e Giuseppe Lo Bianco, autore del libro-inchiesta «Profondo nero»

Una ragazza di Cecina, provincia di Livorno, ha vinto l’ottava edizione del concorso nazionale «Maria Grazia Cutuli». Si tratta di Tatiana Marchioro, studentessa del Liceo Fermi di Cecina (Livorno). Al secondo posto Lucia Plazzotta Liceo Classico di Cassino( Frosinone), al terzo Placido De Salvo e Oscar Zisa del «Fabio Besta» di Ragusa.

I due studenti iblei hanno presentato un lavoro giornalistico sul nucleare e sui rischi che comporterebbe la costruzione di centrali in provincia di Ragusa. Le segnalazioni di merito sono andate a Ferdinando Sigona del Galilei Modica, Giorgio Cicciarella del Liceo Classico di Vittoria, Stefano Alia del Cannizzaro di Vittoria, Salvatrice Di Nicola del Fermi di Ragusa. I premi consistono 500, 300 200 euro.

Grande attesa per l’arrivo di Silvia Tortora, la figlia del conduttore televisivo vittima di quella triste storia giudiziaria tutta italiana. La giornalista ha partecipato anche alla presentazione del film dedicato al padre dal titolo «Un uomo per bene».

Fra i relatori, il giornalista d’inchiesta Giuseppe Lo Bianco, redattore Ansa e dell’Espresso, autore del libro «Profondo nero», dedicato all’oro nero, il petrolio, che ripercorre le tappe di 3 scottanti inchieste giudiziarie legate da 3 morti: quella di Enrico Mattei, dei giornalisti e scrittori Mauro De Mauro e Pier Paolo Pasolini.

Sono stati presenti anche l’assessore comunale Anna Mezzasalma, quello provinciale Salvatore Minardi, le presidenti nazionale e regionale della Fidapa Giuseppina Bombaci e Lucia Chisari. Hanno fatto gli onori di casa la presidente della Fidapa Salvina Lo Monaco e l’organizzatrice del concorso nazionale Anna Maria Zagara.

Il giornalista Giuseppe Lo Bianco, rivolto ai giovani ha detto che "se non c’è passione e professionalità non si può fare giornalismo d’inchiesta. Il lavoro di Maria Grazia Cutuli ci consente di studiare l’inchiesta". A chi vuole intraprendere questo mestiere, Lo Bianco ha ricordato che "bisogna ripartire dal marciapiede, dai palazzi di Giustizia, dalla Questura, dalla caserma dei Carabinieri per iniziare a fare bene il mestiere del giornalismo". Il segretario dell’Assostampa Gianni Molè ha indomato che in collaborazione con il Consorzio universitario il sindacato sta organizzando un corso di formazione per giornalisti d’inchiesta. Ha presentato la manifestazione la giornalista Isabella Papiro.

Da sx Anna Maria Zagara, Silvia Tortora e la madre di Maria Grazia Cutuli Da sx Gianni Molè, Isabella Papiro, Silvia Tortora e Giuseppe Lo Bianco