Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 864
VITTORIA - 05/03/2009
Attualità - Vittoria: il sentiero risulta costellato di mini discariche

Riserva Pini d´Aleppo, natura non protetta?

Alla denuncia del consigliere provinciale Ignazio Nicosia fa seguito la risposta dell’assessore al territorio ed ambiente Salvo Mallia Foto Corrierediragusa.it

«Benvenuti nella riserva « il Pino d’Aleppo». Qui la natura è protetta». Recitano così i cartelli piantati nella zona. Ma basta guardarsi intorno per capire che la natura è al contrario violata. La denuncia giunge dal consigliere provinciale Ignazio Nicosia, che ha constatato di persona come la stradina che si inoltra all’interno della riserva sia costellata di mini discariche: cumuli di inerti, rifiuti urbani e persino amianto (nella foto).

«La sorveglianza della riserva – dichiara Nicosia – ricade esclusivamente sulle Provincia Regionale di Ragusa. Alla luce dei fatti, mi domando che tipo di controllo del territorio esercita l’ente»? Nicosia rivolge altresì un appello all’assessore competente del comune di Vittoria, sul quale ricade il territorio della riserva, affinché contribuisca in tempi rapidi al ripristino dei luoghi.


LA REPLICA DELL´ASSESSORE PROVINCIALE AL TERRITORIO ED AMBIENTE SALVO MALLIA

Non si è lasciata attendere la risposta dell´assessore provinciale all´ecologia Salvo Mallia: «Il tentativo di non rispondere – dice l’assessore – è davvero forte, ma all’ennesimo attacco, in cui addirittura qualcuno allude che io possa essere tra quelli che non vogliono il bene dell’area protetta Pino d’Aleppo, devo necessariamente chiarire, spero una volta per tutte, affinché non si strumentalizzi più l’inciviltà di qualcuno, dell’impegno messo in campo dall’amministrazione provinciale per difendere questo «polmone di verde» nel territorio ibleo.

Più volte ho parlato di sinergia. Anche queste parole sono state travisate. Come se in tal modo volessi delegare i compiti che spettano alla Provincia, in quanto Ente Gestore della Riserva, ad altre istituzioni. Ho chiesto più volte ai Comuni, nel cui territorio ricade la Riserva, di attivare una forte collaborazione, ognuno per le proprie competenze, affinché quest’area protetta sia preservata e tutelata. Per esempio al comune di Vittoria avevamo chiesto di conferire i rifiuti, presenti all’interno della riserva, nella propria discarica comprensoriale.

Ebbene - prosegue Mallia - la disponibilità del sindaco di Vittoria Giuseppe Nicosia è arrivata solo mercoledì e dopo che il consigliere Ignazio Nicosia ha preso posizione e dopo che il comune di Vittoria si era dichiarato disponibile a sopperire a certe «inadempienze amministrative». Ma a che gioco stiamo giocando? C’è questa sinergia o invece il gioco è un altro: andare addosso sempre e comunque all’ente gestore con la complicità, consapevole o inconsapevole, del consigliere Ignazio Nicosia?

Qual è dunque il modo giusto di operare? Insinuare dubbi - conclude Mallia - sull’efficienza della gestione oppure lasciare che gli incivili continuino a scaricare materiale di inerti all’interno della riserva oppure lavorare in sinergia affinché questo andazzo finisca e si ponga fine a questo assurdo degrado ambientale? A voi la scelta».