Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 917
VITTORIA - 10/01/2009
Attualità - Vittoria - L’allarme del consigliere generale Asi

Vittoria: autoporto a rischio

Potrebbe andare perduto un finanziamento di 28 milioni di euro
Foto CorrierediRagusa.it

Rischia di «saltare» l’autoporto di Vittoria. Gianni Stornello (nella foto), consigliere generale Asi, dichiara: « è un colpo durissimo all’assetto infrastrutturale della provincia» . Gli elaborati del progetto, sono di proprietà del progettista, ma il comune di Vittoria, gli ha revocato l’incarico. Potrebbe andare perduto un finanziamento di 28 milioni di euro.

E´ il contenzioso in corso fra Comune di Vittoria e il professionista incaricato della redazione del progetto per l’Autoporto. Stornello considera «pirandelliana» tutta la vicenda e chiede al comune e al progettista di trovare un’intesa subito, altrimenti non saranno rispettati i tempi per eseguire le modifiche al progetto chieste dalla Regione, con la conseguenza della perdita dei 28 milioni di euro di finanziamento per l’Autoporto, con conseguenze negative anche sulla Piattaforma logistica retro-portuale di Pozzallo e su tutto l’assetto infrastrutturale ibleo, già in grande sofferenza.

«Davvero un pessimo esempio – dichiara Stornello – di come affrontare la grave carenza infrastrutturale in provincia di Ragusa quello offerto dal forte contrasto fra comune di Vittoria e progettista dell’Autoporto, architetto Giovanni Amandorla». L’Autoporto di Vittoria – spiega il consigliere ASI – prevede un investimento di 28 milioni di euro, sarebbe la seconda infrastruttura più grande della provincia, avrebbe un’importanza vitale per l’autotrasporto, in particolare per quello orbitante attorno al mercato ortofrutticolo di Vittoria, ai centri di condizionamento, alle altre realtà produttive legate all’agricoltura. La sua operatività sarebbe un passo importante verso l’assetto intermodale, cioè cielo-terra-mare, nella mobilità del nostro sistema produttivo grazie anche alla Piattaforma logistica che l’Asi sta progettando dietro il porto di Pozzallo e che è stata pensata in una logica di scambio proprio con l’Autoporto di Vittoria.

«Siamo ad un passo – denuncia il consigliere Stornello – dal fallimento del progetto: a Palermo, entro pochissimi giorni, aspettano le modifiche richieste al progetto preliminare, ma i tecnici interni al comune di Vittoria non possono mettere mano agli elaborati perché la magistratura ha detto che sono di proprietà del progettista, mentre al tecnico è stato revocato l’incarico».