Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1143
VITTORIA - 17/11/2008
Attualità - Vittoria - Ha chiuso i battenti l’Emaia novembrina

Finita la Campionaria autunnale, si lavora a Kamò

Di Falco: "Avviato il dialogo con gli espositori per migliorare le prossime edizioni". La struttura ha bisogno di manutenzione
Foto CorrierediRagusa.it

La 42esima Emaia di novembre ha chiuso i battenti. Nonostante le condizioni del tempo non abbiano rispettato «l’Estate di San Martino», la fiera Emaia ha fatto registrare un afflusso di gente notevole. Dal primo all’ultimo giorno. Non si sa se in più o in meno dei 130 mila visitatori contati con il ticket d’ingresso della scorsa edizione.

Cifre in più o in meno, la gente all’Emia c’è andata, favorita anche dall’ingresso libero in qualsiasi giorno e ora della settimana. E poco ha influito la pioggia, che col passare delle ore ha lasciato posto al sole e a un’apprezzabile temperatura. Pienone agevolato anche dall’evento collaterale della Fiera di San Martino, frequentatissima per tutt’e due i giorni con grande soddisfazione degli operatori commerciali.

«Siamo già al lavoro per la prossima campionaria- ha detto nei giorni scorsi il presidente Salvatore Di Falco- e per questo abbiamo già avviato contatti con i nostri espositori più affezionati perché con loro vogliamo modificare alcune cose per rendere la fiera più confortevole».

Prima della campionaria ci sono altre 3 edizioni. La prima sarà Kamò, il Salone della Casa e della Moda, in calendario dal 21 febbraio sino al 1 marzo 2009. Fiera concomitante con Sicilia di Moda, il concorso regionale per giovani stilisti e per le scuole di moda. Da più parti si dice che la struttura della cittadella è datata e che ha bisogno di molta manutenzione. Il futuro è alle porte e due architetti sono al lavoro.

Dentro lo stand dell’Emaia è stato proiettato l’avvenire della cittadella. Si tratta del progetto di restilyng curato dagli architetti Sortino ed Eterno per il rifacimento dell’area esterna di Porta Garibaldi e la parte d’ingesso ad essa relativa. Un po’ di fastidio ha creato l’episodio dell’espositore che ha picchiato un addetto al posteggio perché la moglie non aveva trovato posto.

«Episodi del genere tendono a offuscare l’immagine della rassegna e del lavoro che l’organizzazione compie per rendere più visibile l’Emaia. Spero non si verifichino più cose di questo genere».