Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 1089
VITTORIA - 15/10/2016
Attualità - L’amministrazione punta al mantenimento dei livelli occupazionali

Nuova gestione rifiuti a Vittoria

I ritardi nell’avvio del nuovo servizio di raccolta differenziata saranno dunque dovuti alla necessità di salvaguardare i lavoratori Foto Corrierediragusa.it

Si sposta in Prefettura a Ragusa (foto) la trattativa per la salvaguardia dei livelli occupazionali del personale della Tekra, la ditta che ha gestito il servizio di igiene urbana a Vittoria e che si appresta a passare il testimone alla Ef Servizi Ecologici Srl di Misterbianco. Ieri, negli uffici del Centro regionale per l’Impiego di Ragusa, si è svolto un primo incontro tra i responsabili della Tekra, quelli della Ef Servizi Ecologici Srl, i rappresentanti sindacali e il sindaco Giovanni Moscato; al centro della riunione, il confronto sul futuro dei lavoratori. «L’amministrazione comunale – dichiara il primo cittadino – ha chiesto di tutelare il massimo livello occupazionale possibile, nel rispetto delle normative e dell’organizzazione aziendale, ed ha altresì chiesto che la nuova ditta metta in atto scrupolose verifiche sull’assunzione dei lavoratori, al fine di escludere qualsiasi collegamento o interferenza con la criminalità.» La trattativa, sebbene abbia registrato alcuni passi in avanti su precisa richiesta dell’amministrazione comunale, verrà dunque postata in Prefettura. Nelle more si è registrata la proroga dell’ordinanza alla Tekra, al fine di consentire tra i dipendenti e la nuova ditta una trattativa che tuteli i livelli occupazionali.

I ritardi nell’avvio del nuovo servizio di raccolta differenziata saranno dunque dovuti alla necessità di salvaguardare i lavoratori, che altrimenti rischierebbero il posto. Appena insediata la nuova ditta, si partirà immediatamente con la campagna comunicativa per poi iniziare la raccolta differenziata con il servizio porta a porta.